Venerdì, 18 Giugno 2021
Politica

Migliore: "Il mio non è allarmismo ma preoccupazione per i pazienti della Rsa"

La consigliera precisa la propria posizione in merito alla Rsa Becattini

Dichiara di sentirsi sollevata la consigliera di minoranza Rosaria Migliore che aveva chiesto spiegazioni sulla Rsa Becattini di Civitella in Val di Chiana dove a tre pazienti era stato diagnostica il Covid-19. Ma la consigliera vuole replicare alla risposta della maggioranza sottolineando come il suo intento non fosse quello di attaccare l'amministrazione quanto semmai i ritardi nella lettura dei tamponi legati semmai alle autorità regionali.

Tra l'altro Rosaria Migliore che aveva parlato di un primo caso di Coronavirus riconducibile alla Rsa di Bucine, prontamente smentito dalle autorità sanitarie e dal sindaco, insiste al riguardo. 

"In seguito all’invito ad una ricerca più corretta pubblicato in mattinata dal sindaco del Comune di Civitella vorrei far presente che la fonte dell’informazione fu proprio l’amministrazione stessa, settimane fa che ha fatto trapelare questo dato, ma non è questo però l’importante, nè lo scopo della mia replica. Ciò che conta e che interessa a noi oggi, ai cittadini, ai familiari degli anziani e degli operatori ed è ciò che dovrebbe interessare l’amministrazione, sono i rischi che corrono giorno dopo giorno operatori e anziani appunto".

La consigliera conclude poi spiegando che il suo intervento non voleva creare allarmismo, ma era solamente dettato dalla preoccupazione crescente a causa del Coronavirus.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migliore: "Il mio non è allarmismo ma preoccupazione per i pazienti della Rsa"

ArezzoNotizie è in caricamento