Domenica, 13 Giugno 2021
Politica

Riforma Mibac e il ritorno della Soprintendenza, Gagnarli: "Seguo le ricadute sul territorio aretino"

Dopo l'incontro del sindaco Ghinelli con il Ministro Bonisoli e l'appello per il ritorno della Soprintendenza ad Arezzo, prende posizione anche la parlamentare aretina Chiara Gagnarli dle Movimento Cinque Stelle:

Il Ministro Bonisoli ed il suo staff sono da mesi al lavoro sulla riforma del Ministero per i beni e le attività culturali, avviata dal DPCM n. 171 del 2014. Molti i temi sul piatto, a partire dal personale, su cui è già intervenuta la Legge di bilancio 2019 (consentendo lo scorrimento delle graduatorie relative alle procedure di selezione pubblica bandite con la Legge di bilancio 2016), passando per le carenze di competenze, soprattutto in materia di amministrazione ed information tecnology, fino ad arrivare alla riorganizzazione di tutta la struttura, comprese le Soprintendenze.

Con il Decreto Ministeriale del gennaio 2016 – ricorda la deputata aretina Chiara Gagnarli (M5S), prima firmataria di una interrogazione sulla riforma del Mibac, la 4-01097 – sono state sciolte le Soprintendenze archeologiche e sono state trasferite le competenze alle Soprintendenze belle arti e paesaggio, ma nella sostanza, sembrano essere aumentati i costi, pur diminuendo il personale. Per mero interesse politico, la ex Soprintendenza di Arezzo, benché ricchissima di patrimonio storico, artistico, architettonico ed archeologico, è stata accorpata alla Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le Province di Siena e Grosseto. La struttura di Arezzo è stata oggetto di un continuo assottigliamento d'organico: gli archeologi preposti al territorio provinciale aretino dopo l'accorpamento sono passati da cinque/sei ad uno. Gli architetti aretini sono rimasti in quattro, ma oggi coprono anche parte delle competenze territoriali delle altre due provincie, Siena e Grosseto.

E' importante – conclude la Deputata M5S – che con quest'ultima riforma oggi in discussione, Arezzo torni ad essere sede di una locale Soprintendenza  e che abbia una struttura snella ma con organici adeguati. Per questo sono in contattato con la Segreteria particolare del Ministro Bonisoli e del Sottosegretario Vacca e sono in attesa di rassicurazioni sulle ricadute che la riforma avrà sul territorio aretino.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riforma Mibac e il ritorno della Soprintendenza, Gagnarli: "Seguo le ricadute sul territorio aretino"

ArezzoNotizie è in caricamento