rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021

Più alberi, meno auto, protezione dal cambiamento climatico. Il Pd lancia il "manifesto verde" per la città

La presentazione è avvenuta in piazza Giotto, uno dei luoghi che secondo il manifesto dovrebbe avere una rivisitazione in chiave ambientale

Cinque punti declinati sulla città come appello a che l'amministrazione comunale si muova sul fronte della sostenibilità e del verde urbano oltre che del contrasto all rischio idrogeologico. Questo il manifesto verde del Pd di Arezzo promosso a partire da Piazza Giotto dalla segreteria comunale dei Dem guidata da Matteo Bracciali.

«Questo è l’inizio di un percorso che vogliamo sia partecipato – dice il segretario comunale Matteo Bracciali. Vorremmo coinvolgere la città sulle idee e proposte che sono in questo per aggiungerne altre, ampliarle e renderle ancora più incisive. La nostra città ha bisogno di essere più sostenibile, più verde, migliorando così la qualità della vita per noi e per chi verrà dopo di noi».

Anche ad Arezzo arrivano quindi i temi della Cop 26, la conferenza delle Nazioni Unite che in questi giorni si è tenuta a Glasgow.

"La città è un laboratorio di sviluppo economico, di innovazione tecnologica, di cultura e di creatività dove è possibile costruire politiche di lotta alla povertà, di inclusione, di consumo critico ed economia circolare, di contrasto alle crescenti disuguaglianze e ai cambiamenti climatici. La sostenibilità delle nostre comunità è il tema dell’oggi e dobbiamo agire ora e subito perché non è solo un contributo ambientale ma trasforma la città in un luogo più sano e vivibile."

I cinque punti del manifesto

1. Una città con più alberi. La forestazione urbana per trasformare la città che non significa solo assorbimento CO2, riduzione inquinamento, diminuzione temperatura per una città resiliente ai cambiamenti climatici, ma anche luoghi più vivibili: Piazza Giotto, Piazza Zucchi, San Zeno, Pratacci e per ridare a chi vive le aree industriali della città per lavoro spazi di ristoro.
2. Nuova vita per gli edifici e gli spazi pubblici. La riqualificazione delle case popolari e degli immobili di proprietà del Comune di Arezzo per lo sviluppo delle comunità energetiche per implementare l’autoproduzione energetica. Affrontare la questione della sicurezza delle scuole con coraggio con la realizzazione di nuovi plessi nell’area dello scalo merci della Stazione e dell’area della manutenzione a Saione.
3. Una città senza auto. La qualità della vita passa dalla qualità dell’aria che respiriamo. Mobilità sostenibile significa riduzione dell’impatto ambientale e spostamenti più efficienti. Nuove linee di trasporto pubblico con conversione elettrica dei mezzi che garantiscano collegamenti più veloci utilizzando anche il trasporto ferroviario per i collegamenti con le frazioni. Abbonamenti gratuiti per tutti gli studenti fino alle scuole superiori e investimento sui pedibus e bicibus per i più piccoli. Active mobility con percorsi di trekking urbano in aree non convenzionali per trascorrere domeniche senza traffico e per riscoprire la città. Completare la rete di mobilità ciclabile protetta e illuminata che colleghi i quartieri in modo sicuro.
4. Riciclare e recuperare. Un patto per l’ambiente tra cittadini, aziende e amministrazioni pubbliche per investire nel recupero e riuso di materia promuovendo progetti legati all’end of waste e all’economia circolare. Investimento nella raccolta differenziata per aumentarne quantità e qualità e nella depurazione delle acque.
5. Proteggere la città dal cambiamento climatico. Bagnoro, Olmo, San Marco, Pescaiola, Chiassa sono solo alcune delle zone della città hanno visto la tragedia di un’alluvione che distrugge la vita delle persone. Il cambiamento climatico non avverte prima e i fenomeni estremi potrebbero avvenire dovunque Non deve succedere mai più: gli interventi sul rischio idrogeologico sono la priorità insieme ad un intervento strutturale sulle reti fognarie più deboli insieme alla manutenzione seria e puntuale dei fossi e alla pulitura dei tombini stradali.

Video popolari

Più alberi, meno auto, protezione dal cambiamento climatico. Il Pd lancia il "manifesto verde" per la città

ArezzoNotizie è in caricamento