M5S, il tour province fa tappa a Firenze e Arezzo

Il tour province si concluderà venerdì prossimo con le tappe di Siena e Grosseto.

Prosegue il tour province del Movimento 5 stelle. Stamani, l’iniziativa ideata dal consigliere regionale Giacomo Giannarelli, ha fatto tappa a Firenze. Nella sede della Regione sono stati accolti numerosi delegati delle associazioni di categoria e rappresentanti di ordini professionali. Erano presenti anche i consiglieri regionali Andrea Quartini e Gabriele Bianchi. “Abbiamo discusso con piacere assieme a direttori e presidenti del mondo produttivo fiorentino – spiega Giannarelli – riguardo le scelte necessarie per rilanciare l’economia dell’area metropolitana. Troppo spesso – prosegue – la vecchia partitica non ha accolto le esigenze di chi produce ricchezza e valore. Le aziende, così come tutti i professionisti, hanno bisogno di meno burocrazia e più libertà negli investimenti. Così come è davvero importante offrire la massima cura a temi come quello infrastrutturale che trova in noi, lo ribadiamo ancora una volta, un movimento convinto sostenitore dello sviluppo e della crescita delle reti di collegamento, purché rispettino princìpi ambientali, paesaggistici e finanziari di assoluto buonsenso”.

All’incontro erano presenti anche l’eurodeputato Laura Agea, i senatori Laura Bottici, Gianluca Ferrara e il deputato Luca Migliorino. “Partire dall’ascolto di quelle che sono le esigenze dei cittadini è l’unico modo per costruire una politica volta alla risoluzione delle tante problematiche che affliggono il territorio toscano. Abbiamo discusso di quello che il Movimento ha realizzato sino a oggi e di quanto potrà essere fatto in futuro”.

Nel pomeriggio la delegazione del M5S, allargata anche ai deputati Francesco Berti e Chiara Gagnarli e al vicepresidente del parlamento europeo Fabio Massimo Castaldo, si è spostata ad Arezzo. Lì è infatti in calendario sia un incontro con le associazioni di categoria del territorio e una visita ad alcune aziende d’eccellenza, sia una riunione con il presidente della Provincia, Silvia Chiassai. “Arezzo – spiega Giannarelli – è il fulcro nazionale dell’arte orafa. Un luogo ricco di storia e cultura. Eppure, non mancano le difficoltà in ambito lavorativo, con aziende costrette a chiudere i battenti per colpa dei morsi della crisi e un sistema bancario che non è stato privo di difetti”. Compito della politica è quello di sostenere i territori: “Una politica fatta di ascolto e partecipazione – spiegano i parlamentari del Movimento presenti – è la base per la stesura di leggi indirizzate a semplificare la vita di cittadini e imprese”. Mentre a margine della visita a realtà imprenditoriali orafe locali Castaldo evidenzia: "Sono rimasto colpito dallo straordinario potenziale imprenditoriale della città e dell’intera provincia di Arezzo, la quale vanta una densità media di più di un’impresa ogni dieci abitanti e comparti di eccellenza a livello internazionale, come appunto il distretto orafo. Difendere realtà come quella aretina è una priorità per il nostro sistema paese: siamo pronti a continuare l’importante lavoro intrapreso in Europa a tutela del nostro made-in e delle esigenze delle nostre Pmi”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Fermato su una Bmw con targa rumena: colpiva i turisti. Scoperto con la "luce nera"

  • Sceicco accusa azienda aretina: "Io truffato per 6 milioni di euro"

  • Un gelo epocale: quando in provincia di Arezzo il termometro arrivò a -30°

  • Schianto tra auto: tre feriti. Allertato l'elisoccorso Pegaso

  • Infortunio sul lavoro a Pescaiola: aretino portato a Siena con Pegaso

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento