Il M5S di Arezzo dona 200 chili di "Pasta Toscana" Fabianelli alla Caritas

La nota del Movimento: "La scelta del prodotto non è casuale, la nostra attenzione infatti è rivolta al sostegno delle attività nostrane, non solo perché salutari e di qualità, ma anche perché meno impattanti sull’ambiente"

Il M5S aretino dona 200 chili di pasta alla Caritas di Arezzo per far fronte alle condizioni di indigenza crescenti delle fasce più deboli della popolazione, vista l'emergenza Coronavirus.

Ora pasta. E di quella buona, dai produttori locali, per dare un altro contributo a questa emergenza alimentare - pisega una nota del Movimento -. Circa 200 chili di pasta Toscana della Fabianelli sono stati consegnati oggi alla Caritas di Arezzo da parte del Movimento 5 Stelle aretino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La scelta del prodotto non è casuale, la nostra attenzione infatti è sempre rivolta al sostegno delle attività nostrane, non solo perché salutari e di qualità, ma anche perché meno impattanti sull’ambiente rispetto ad altri prodotti alimentari, soprattutto se provenienti da lontano. Vogliamo ringraziare il pastificio Fabianelli per la gentile, efficiente e rapida disponibilità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Telefonate con offese e insulti omofobi dopo la partecipazione a 4 Ristoranti": il racconto di Mariano

  • Scocca l'ora di Arezzo a 4 Ristoranti: tutto quello che c'è da sapere sulla puntata

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Schianto in moto, muore a 39 anni Thomas Lorenzetti

  • La notte di 4 Ristoranti, Borghese: "Arezzo bellissima. La sua cucina? Forte e decisa, come i suoi abitanti"

  • Insetti in casa: scutigera, perché conviene non ucciderla

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento