LIVE | Criscuolo nuovo segretario. Coingas e Comune parte civile nel processo? Ghinelli: "Ancora da decidere"

Ordine del giorno anomalo, senza pratiche di giunta in votazione. Raffica di interrogazioni e atto di indirizzo. Una sola comunicazione dall'assessore Merelli

 

Ognuno nella sua postazione a distanza ascolta l'inno di Mameli che dà il via al primo consiglio comunale del 2021. Luca Stella chiede l'appello per il numero legale. A ricoprire il ruolo di Segretario Generale c'è Cecilia Agostini dopo il sollevamento dall'incarico di Franco Caridi. Dall'appello risultano assenti Egiziano Andreani, Alessandro Calussi e Marco Donati. La seduta è valida con 30 consiglieri presenti.

Live

21,00 -  Il consiglio comunale volge al termine dopo che l'ultimo atto di indirizzo depositato da Francesco Romizi di Arezzo 2020 viene rinviato alla prossima assisi. Di seguito il resoconto scritto:

Sanità, rischio idraulico, seggi elettorali fuori dalla scuole. Atti di indirizzo tutti bocciati

19,00 - Continua il dibattito e la votazione degli atti di indirizzo del consiglio comunale. 

Il consiglio comunale ha effettuato una pausa e ripreso i lavori alle 14,10 partendo dalla presentazione e dalla votazione degli atti di indirizzo e delle mozioni.

Ampliamento cimiteri, spazio famiglia e 152mila euro del Comune per la Fondazione Guido d'Arezzo

12,40 - Terminate le interrogazioni, la parola passa ad Alberto Merelli, assessore al bilancio proprio per illustrare questo prelevamento dal fondo di riserva, in parte anticipato con l'interrogazione precedente.

12,26 - Valentina Sileno di Scelgo Arezzo sul prelevamento dal fondo di riserva per 221mila euro di cui 152mila per finanziamre un contributo per la Fondazione Guido d'Arezzo per coprire spese sostenute. "Chiediamo a Merelli cosa ha determinato queste spese che hanno portato al prelevamento."

Risponde l'assessore Merelli: "Questa variazione di giunta per sopperire alle richieste dell'ufficio cultura e alle necessità di spesa alla Fondazione Guido d'Arezzo. Nello specifico sono serviti come quota residua annua per 6mila euro circa, poi costi del personale per tre unità operative per 73mila euro circa, costo 28mila euro per le utenze di palazzo Bocciardi, visto che non è ancora effettuata la voltura, spese di maschere, costi manutenzione teatri per 10mila euro circa, per 24mila euro rimborso al mancato traferimento per la gestione della Casa della Musica, che il comune avrebbe dovuto incassare dalla fondazione Musica di Fiesole e versare alla Fondazione Guido d'Arezzo". Integra il sindaco: "Erano previste 6 figure di personale, ma non tutte sono passate dal comune alla Fondazione, allora tre sono state assunte dirattamente dalla fondazione e sono comunque state finanziate dal Comune.

12,18 - Interrogazione sulla Giostra del Saracino del consigliere Roberto Cucciniello di Fdi: "considerato che i quartieri rappresentano da sempre sano baluardo sociale aggregati, la loro attività è a serio rischio, nelle proprie sedi, nei circoli e nelle scuderie dove sono alloggiati cavalli che hanno bisogno di cure. Mancando una serie di attività della Giostra le risorse dei quartieri si sono ridotte alle sole quote sociali del tutto insufficienti, si interroga il sindaco se intende prendere provvedimenti con i quali si spossa erogare un piccolo contributo economcio, come per le utenze, ritengo sarebbe un gesto di modesto impatto per le casse comunali ma di fondamentale importanza per i quartieri e il morale dei quartieristi che sono spaesati e abbandonati ma anche in piena pandemia sono stati chiamati in causa e si sono messi al servizio della comunità aretina."

Risponde il sindaco: "il tema era nell'aria lei lo ha formalizzato. Ho incontrato i rettori in maniera informale insiema al consigliere Bertini che ha il ruolo di supporto. Il tema è attuale, l'anno di pausa nel 2020 rischia di avere un'ulteriore pausa stiamo navigando a vista nella nebbia nelle manifestaizoni storiche il suo grido di dolore l'amministrazione ha già puntato l'attenzione. Ho chiesto ai quartieri uno specchietto sulle spese di questo anno senza Giostra in modo di aiutarli per le spese fisse per rimanere attivi. Non abbiamo preso una decisione su quanto, ma lo faremo."

12,14 - Interrogazione di Donato Caporali del Pd su alcuni uffici postali che con la pandemia hanno avuto riduzioni di orario. Alcuni stanno andando verso il ritorno ad orari pre pandemia. L'unico luogo dove non riaprono la posta in un luogo periferico non c'è la Chiassa, ma c'è via Lorenzetti. "Io credo che debbano riaprire tutti, ma se devo dare una priorità sarebbe meglio quella della Chiassa. Chiedo al sindaco di attivarsi verso Poste Italiane."

12,05 - Andrea Gallorini del gruppo Pd ha interrogato la vicesindaca Tanti sulla presenza di servizi socio sanitari nelle periferie e in particolare sulle frazioni di Rigutino e Quarata per l'interruzione del Cup nel primo caso e del punto prelievi nel secondo caso. L'assessore Tanti ha risposto che l'Asl ha sospeso i servizi in momento di pandemia. Per Rigutino siamo organizzati per dare una risposta complessiva, su Quarata non abiamo ricevuto notizie circa la riattivazione. Da parte della Asl disponibilità a fare una riconognizione per i servizi di prossimità da riaprire.

11,56  - Il consigliere Luciano Ralli interroga il sindaco: "Deve provvedere alla nomina dei rappresentanti in enti dipendenti o società controllate, gli indirizzi sono stati approvati. Abbiamo letto che sono state fatte alcune nomine, siamo a chiedere se ha rispettato la delibera sulle nomine di questo consiglio, se nelle prossime nomine si muoverà nella direzione approvata in questo consiglio comunale, per evitare di fare qualche gaffe nelle scelte che potrebbe fare." La risposta del sindaco: "Ovviamente mi muovo in base alla delibera, non coinvolgerò i dirigenti comunali, ma spero che la nuova segreteria generale possa dare man forte, per privilegiare le competenze anche se la delibera è articolata e complessa." 

11,50 - Interrogazione di Caneschi sui cimiteri, i posti carenti, il forno crematorio. Risponde l'assessore Chierici. 

11,45 - Caneschi chiede perché il sindaco non è intervenuto direttamente e pubblicamente per prendere le distanze e condannando sia la scritta su Hermann Goering nel sotto passaggio di via Vittorio Veneto che le minacce di morte al giornalista a Marco Botti: "Di Botti lo apprendo in questo momento da lei non ne avevo notizia, invece io ho preso quella scritta come un'offesa personale al sottoscritto. Qualcuno che non credo che sia di stampo nazista ha voluto accostare me a Hermann Goering, è un'offesa personale al sottoscritto. E' evidente che ogni tipo di azione di questo tipo mi vede contrario. Per il resto prenderemo una decisione in giunta sulla firma per la proposta di legge."

11,40 - Alessandro Caneschi chiede notizie circa la costituzione di parte civile dell'amministrazione comunale nell'udienza preliminare per il processo Coingas. "Chiedo al sindaco come rappresentante del Comune e come socio di maggioranza di Coingas, se ha intenzione di costiuire il comune come parte civile se ha intenzione di convocare assemblea di Coingas per lo stesso motivo." Risponde il sindaco: "Abbiamo tempo, non abbiamo preso una decisione, Scortecci convocherà un'assemblea per discutere la strada da percorrere, non è che non le voglio rispondere, questa decisione non è stata presa."

"Chiaramente restermo in attesa delle decisioni che l'amministrazione comunale pur comprendendo la difficoltà soggettiva di prendere questa decisione, che la vede da una parte come imputato seppur mi ritenga un garantista, ci tengo a sottolinerare l'importanza della costituzione di parte civile del Comune e di Coingas che sono soggetti lesi e che la non costituzione di parte civile nel caso di condanna degli imputati potrebbe comportare un danno erariale nei confronti di questi enti pubblici."

11,33 - Giovanni Donati interroga la giunta sugli oneri di urbanizzazione e sulla loro quota percentuale destinata ai centri di aggregazione sociale (3%) e agli edifici religiosi (3%). "Non è stato pubblicato il bando negli anni 2019 e 2020, che è l'unico modo per i centri civici di riceverre fondi per le ristrutturazioni. Chiedo come mai non sono stati emessi i bandi, che le percentuali passino al 6% e come sono stati destinati i fondi del 2018. L'assessore al bilancio Alberto Merelli è chiamato in causa ma il sindaco risponde che manderanno una risposta scritta.

11,25 - Valentina Vaccari del Pd interroga su rapporto tra enti del Terzo Settore e Comune di Arezzo. "L'amministrazione dovrebbe agire come rete di facilitatore nel terzo settore per maggiore condivisione. Chiediamo quali siano i rapporti con gli enti del Terzo Settore, di creare una consulta degli enti del Terzo Settore, di istituire uno sportello Europa per raccolta dei fondi per i progetti del Terzo Settore e uno sportello Terzo Settore dedicati a servizi legali, fiscali per aiutare con le consulenze di questi enti."

Risponde il vicesindaco Tanti: "Per gli obiettivi l'amministrazione procederà con la creazione di una fondazione che terrà insieme tutto." 

11,08 - Giovanni Donati e Alessandro Caneschi del Pd hanno cofirmato un'interrogazione sul tema del superbonsu 110%. Parla Donati. "Spero che il comune si sia attivato o si attivi per facilitare le conoscenze ai cittadini e ai professionisti per il super bonus perché ci sono fondi del Mise per potenziare gli organici dei comuni per adempiere a tutte le pratiche. La prima fase è la conformità urbanistica il primo appuntamento è per il 15 di aprile nell'archivio storico, dico solo che si sta impedendo ai professionisti di lavorare. Questa opportunità del 110% è una cosa irripetibile, non può essere impedito di lavorare. Vado all'interrogazione: Chiedo all'assessore lucherini se il Comune di Arezzo ha intensione di costituire un ufficio preposto alle informazioni e se ha attivato le procedure per le assunzioni dei tecnici."  Si inserisce Francesco Romizi per interrogazione analoga.

La risposta dell'assessore all'urbanistica Francesca Lucherini: "Abbiamo già richiesta dall'ufficio urbanistica al personale, l'ufficio della dottoressa Rulli sta predispondendo la domanda per il Ministero. Ci siamo mossi subito perché è un'esigenza del nostro ufficio per dare un servizio alla città. Diverso il discorso dell'Archivio storico: non sapevo che siamo di nuovo a 80 giorni di attesa, me ne occuperò. Pe ora lo sportello ecobonus non è previsto, adesso l'Archivio prevede 3 giorni alla settimana per vedere le pratiche, due giorni invece per la pratiche più recenti per le quali c'è attesa di una settimana, non tutti i professionisti poi sanno che si possono prenotare le pratiche on line che velocizza il tutto."

11,05 - Francesco Romizi  interroga sulla Giostra del Saracino è stata colpita, così come i quartiere necessita quindi di un'attenzione particolare da parte dell'amministrazione comunale. "Insieme al consigliere Agnolucci le chiedo sindaco se intende mantenere la presidenza della consulta dei quartieri o se intende delegare ad altra figura, quantomeno le chiedo se sarà una figura di trasparenza e imparzialità rispetto ai quertieri stessi." Ghinelli: "La sua è una domanda provocatoria soprattutto nella sua seconda parte, le risponderò per iscritto."

10,57 - Michele Menchetti del Movimento Cinque stelle presenta un'interrogazione cofirmata da Francesco Romizi e Marco Donati, riguarda Paolo Giusti cittadino di Saione impegnato da lungo corso in ambito sociale e di impegno nella comunità. Giusti è a processo per diffamazione per un post Facebook giudicato lesivo dell'onore dall'ex comandante della polizia municipale Cino Augusto Cecchini. Chiedeva aiuto, collaborava per risolvere i problemi del quartiere dove abitava attraverso anche il Nuovo Comitato di Saione. "Siamo a chiedere al sindaco di ritirare o far ritirare la denuncia, di stringervi la mano e trovare con l'occasione una forma di collaborazione utile." La risposta del sindaco: "Non ho presenti i motivi, incontrerò il cittadino Giusti sicuramente, darò risposta scritta. Mi rendo conto che c'è uno spessore su questa richiesta e su questo mi documentrò, il tema dei rapporti con i cittadini mi interessa, mi sorprende come un cittadino descritto come modello e impegnato abbia dato luogo a una cosa tale da beccarsi una querela."

10,47 - La risposta del vicensidaco Tanti: "Il costo complessivo dell'operazione ammonta a 29.650 euro, investite per comprare 8.450 test pungitido tanto quanto è il numero della popolazione scolastica dai 3 ai 14 anni, la natura dei test è stata in base a quelle che sono le indicazioni del Ministero della sanità e seguendo sostanzialmente in maniera l'indicazione Emilia Romagna che nell'ottobre 2020 ha deliberato un'operazione simile. Il primo momento di attivazione 27 novembre 2020 sospeso durante le festività natalizie anche per la zona rossa, riattivata in 4 gennaio 2021. Rispetto alle ricadute dell'indagine e al numero dei bambini darò risposta scritta. Rispetto al personale utilizzato abbiamo avuto il personale di Croce Rossa di Arezzo e dei medici dell'associazione Nasi Rossi. Rispetto alla questione dei dipendenti comunali coinvolti nel supporto nella Asl sud est non hanno fatto tracciamento, il loro inquadramento funzionale è stato determinato con un protocollo d'intesa che ne ha codificato tutte le inziative, invierò il protocollo con le azioni previste."

10,44 - Donella Mattesini del Pd interroga il sindaco su un tema sanitario: i test sierologici e il ruolo dei 40 dipendenti del comune per il ruolo di tracciamento. "Chiedo le risorse per la campagna di screenign il numero di persone che hanno susfruito del servizio, quante ore dedicate alla preparazione delle 40 unità di personale e quali compiti hanno avuto."

Con la stessa premessa presenta l'interrogazione anche Francesco Romizi a nome anche di Valentina Vaccari del gruppo Pd: "Le chiedo vicensidaco in che data è partito lo screening quante bambine e bamnbini hanno partecipato, che tipo di test sono stati utilizzati, qual'è il risultato dell'indagine in termini di anticorpi, a quanto ammonta la spesa effettuata fino ad oggi, come sono utilizzati o come verranno utilizzati i dati così raccolti ai fini di una efficace politica di prevenzione."

10,40 - Simon Pietro Palazzo di Ora Ghinelli interroga in maniera urgente con risposta scritta il sindaco Ghinelli sulle nomine della magistratura della Giostra: "Alcuni membri si sono presentati alle ultime elezioni amministrative, chiedo se sia opportuno o compatibile con il ruolo di consigliere comunale."

10,30 - Interrogazione di Donella Mattesini del Pd sulla necessaria riorganizzazione dello spazio famiglia nell'interesse delle famiglie e del sostegno alla genitorialità. L'assessore Tanti ha già risposto per scritto. "Dispiace - dice Tanti  he l'assessore alla  famiglia faccia continui rinvii, ma avrò modo di rintervenire sull'argomento ch è così importante".

9,50 - Si entra nell'ordine dei lavori. Il presidente del consiglio Luca Stella spiega che l'ufficio di presidenza ha ricevuto 44 interrogazioni che sono state valutate in base alla maggiore urgenza e ne sono state selezionate 21.

Ma prima di tutto arriva una comunicazione del sindaco Ghinelli sul tema di questa settimana: la sostituzione del segretario generale Franco Caridi al termine della quale c'è anche l'annuncio della nuova nomina: il nuovo segretario generale del comune di Arezzo è l'avvocato Pasquale Criscuolo che arriva dal comune di Genova. 

Caso Caridi, la lettera integrale del sindaco che spiega perché lo ha sollevato dall'incarico

"Nella giunta riunita da remoto il 12 di gennaio c'erano all'ordine del giorno due pratiche, una dell'assessore Tanti e una di Lucherini. Proprio su questa seconda il segretario generale non è riuscito a dare una spiegazione chiara e a fugare i dubbi sollevati e alla mia domande se la pratica l'avesse letta, lui ha risposto di no."

Secondo il racconto di Ghinelli, i malumori di alcuni assessori basati su alcune mancanze proprio nelle funzioni a lui conferite e svolte da casa si sono amplificati. "Ho deciso di convocare una giunta straordinaria nel pomeriggio, che è temirnata alle 19,30 con la firma dell'atto per la ricerca presso l'albo del Ministero di un nuovo segretario. Ho letto che subito dopo Caridi sia andato dalla Digos e abbia rilasciato interviste ai giornali. Ho dato mandato ai miei legali per capire se sia stato un comportamento corretto. Nel frattempo abbiamo avuto 27 candidati, ne abbiamo selezionati 7 e abbiamo individuato il profilo giusto. Questa mattina ho firmato il decreto di nomima per l'avvocato Pasquale Criscuolo che arriva dal comune di Genova."

Su questo tema sono seguite 4 interrogazioni dai banchi dell'opposzione: Valentina Sileno di Scelgo Arezzo, Michele Menchetti del Movimento Cinque Stelle, Francesco Romizi di Arezzo 2020 e Alessandro Caneschi del Pd. Nel corso del dibattito, venedo citato l'eventuale ruolo di Fratelli d'Italia per le pressioni fatte per la sostituzione di Caridi che a suo tempo aveva dato parere negativo circa l'incompatibilità della figura di Macrì come presidente di Estra, sia Carlettini che Lucacci (segretario provinciale del partito) hanno chiesto la parola, ma in questo caso, ha spiegato Stella, il dibattito non è previsto.

9,45 - Francesco Romizi su ordine dei lavori: "Chiedo un minuto di silenzio riferito alla Giornata della Memoria, che ricorda la peggior strage della storia recente, il Comune di Arezzo per primo alcuni anni fa costruì un gemellaggio con Oswiecim e come atto di solidarietà al vile attacco fascista a Marco Botti in occasione di un evento sulla Shoah. Che quest'aula dedichi un minuto di silenzio a tutto ciò." Parte il minuto di silenzio.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento