LeU: "Sull'area Nord la Giunta gioca a nascondino e nega la valutazione di impatto ambientale"

"Oltre a trastullarsi con motosega e conferenze stampa fotocopia, la Giunta comunale gioca anche a nascondino nei confronti della città", è l'attacco di Liberi e Uguali di Arezzo al progetto di prolungamento della tangenziale dalla rotatoria sulla...

Ivano-Ferri-Leu

"Oltre a trastullarsi con motosega e conferenze stampa fotocopia, la Giunta comunale gioca anche a nascondino nei confronti della città", è l'attacco di Liberi e Uguali di Arezzo al progetto di prolungamento della tangenziale dalla rotatoria sulla statale 71 a Via Buonconte da Montefeltro.

"Prima è stato detto che il prolungamento sarebbe servito a favorire la viabilità secondaria, ora si dice che rappresenta il primo tratto per proseguire la tangenziale e andare oltre: pare il gioco delle tre carte. Delle due l'una - incalza LeU - se è solo un'opera per la viabilità urbana di minore importanza, l'intervento e la spesa ci paiono esagerati rispetto alla reale utilità; se, invece, è concepita nell'ottica di provare artatamente a chiudere l'anello a nord, allora l'Amministrazione deve mettere nero su bianco l'intero progetto e non solo un tratto, dettagliare tutto il tracciato, renderlo pubblico per favorire un consapevole dibattito cittadino e sottoporlo a V.I.A., Valutazione di impatto ambientale, per considerare preventivamente eventuali danni in modo completo e rigoroso e non furbesco e a singhiozzo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LeU tratteggia i caratteri della zona: "Si tratta dell'intera area a Nord, di grande valore ambientale e paesaggistico e per questo fin qui tutelata, anche con precisi vincoli, per preservarla da un'edificazione indiscriminata e infrastrutture pesanti. L'area, infatti, prosegue ai piedi della collina di San Fabiano e finisce al parco di Villa Severi, incrociando gli archi dell'acquedotto vasariano. Su un tema del genere - prosegue Liberi e Uguali - di grande rilevanza urbanistica, ambientale, civile per il futuro di Arezzo, la nostra città non può avere una Giunta che tiene nel cassetto le dovute informazioni e nega gli indispensabili approfondimenti rappresentati in via preventiva da una scrupolosa valutazione di impatto ambientale. Ultimo, ma non ultimo: poiché è in fase di revisione il piano strutturale che dovrà essere approvato dal Consiglio comunale - conclude LeU - sarebbe assai più corretto e appropriato non anticipare opere di questa rilevanza che ridisegnano i confini dell'area urbana al di fuori di una pianificazione urbanistica complessiva".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento