Politica

LeU: “Servizi per l'infanzia: tutto va bene, madama la marchesa? Per niente”

"L'assessore Tanti segue il modello comunicativo di Renzi: dipinge a tinte celestiali una situazione che tale non è. Prima o poi, come l'ex premier, andrà a sbattere contro la realtà". E' il commento di Liberi e Uguali di Arezzo alle...

servizi infanzia tagliati

"L'assessore Tanti segue il modello comunicativo di Renzi: dipinge a tinte celestiali una situazione che tale non è. Prima o poi, come l'ex premier, andrà a sbattere contro la realtà".

E' il commento di Liberi e Uguali di Arezzo alle dichiarazioni dell'assessore della giunta Ghinelli in merito ai servizi per l'infanzia.

"Non sottovalutiamo affatto l'ingresso di quattro nuove figure nel settore dell'infanzia, ma questo è un atto minimo e dovuto e c'è poco da rifarsi gli occhi. Se guardiamo con serietà a cosa succede nei servizi per l'infanzia comunali balzano in tutta evidenza vari fatti - proseguono dal partito - Il primo riguarda le recenti scelte operate dalla Giunta: 9 posti in meno negli asili nido San Leo e Masaccio, 25 in meno nella scuola dell'infanzia di Orciolaia, 25 in quella di Acropoli, che seguono la chiusura del nido il Cedro. Il tutto giustificato con il fatto che ci sono meno domande, ma senza interrogarsi sul perché questo avvenga, sul perché le famiglie non ce la fanno a sostenere i costi per iscrivere i propri figli in queste strutture. Soprattutto senza fare nulla per facilitare le famiglie nell'utilizzo di servizi fondamentali per la crescita di tutti i bambini, nessuno escluso, e neppure avanzare proposte di servizi aggiuntivi con diversa modulazione oraria. Si prende atto e si taglia l'offerta comunale e questa non è una buona politica. Il secondo fatto riguarda la situazione in cui si trovano gli operatori dei servizi. L'assessore ha mai girato nelle strutture e verificato il livello di stress e sofferenza cui sono sottoposte educatrici ed educatori che con grande abnegazione e professionalità continuano a tenere in piedi questi servizi, nonostante tutti i tagli operati da diversi anni a questa parte? Ha mai verificato il ruolo improprio di supplenti educatori svolto, loro malgrado, dagli operatori del servizio civile?".

Leu indica anche altri fattori critici: "Per i prossimi pensionamenti come intende agire? E si ripeteranno i ritardi nell'espletare i bandi per le iscrizioni dei bambini nelle strutture comunali? Suggeriamo all'assessore di agire per migliorare davvero la situazione e fare meno comunicati per indorarsi la pillola - conclude Liberi e Uguali - ne trarranno giovamento i servizi ed anche il suo ruolo di amministratore".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LeU: “Servizi per l'infanzia: tutto va bene, madama la marchesa? Per niente”

ArezzoNotizie è in caricamento