rotate-mobile
Lunedì, 30 Gennaio 2023
Politica

Lampioni spenti, polemica continua. Il Pd: "Un incidente e disagi. Ma chi risparmia, il Comune o la ditta?"

I consiglieri Alessandro Caneschi e Giovanni Donati tornano sul tema della riduzione di ore dell'illuminazione pubblica e chiedono spiegazioni all'assessore Sacchetti

I consiglieri comunali di Arezzo del Pd, Alessandro Caneschi e Giovanni Donati, tornano sul tema della riduzione di ore dell'illuminazione pubblica, prendendo spunto da un recente fatto di cronaca: una residente uscita di primo mattino, senza il conforto della luce dei lampioni, e rovinosamente caduta. Ma le proteste, aldilà del singolo incidente, riguardano diversi cittadini, costretti per lavoro o altre esigenze a spostarsi ad orari in cui il buio non viene rischiarato dagli impianti elettrici pubblici. E i consiglieri del Pd si rivolgono all'assessore Marco Sacchetti: "Si è reso conto che molti cittadini si stanno lamentando delle scelte fatte? Non è scontata la risposta visto che lei, non vivendo nel nostro Comune, forse non percepisce i molti disagi e non frequenta la nostra città nel pomeriggio o in prima mattina".

E poi Caneschi e Donati tornano sul tema del risparmio economico. Dopo il primo intervento di alcuni giorni fa.

"Veniamo ora al servizio dell’illuminazione pubblica che il Comune ha affidato nel 2020, a seguito di bando pubblico, ad una ditta esterna con lo strumento del Project-Financing.

Nel provvedimento di affidamento si legge che il servizio affidato alla ditta comprende:

• la gestione e la manutenzione (ordinaria, programmata e straordinaria) degli impianti di illuminazione pubblica e semaforica nel territorio comunale,

• la progettazione, l'esecuzione ed il finanziamento dei lavori di riqualificazione energetica e adeguamento normativo e tecnologico degli impianti di illuminazione,

• la fornitura dell’energia elettrica con onere a carico del concessionario del pagamento di tutti i costi connessi alla società elettrica di distribuzione (sia essa produttore, grossista o distributore) previa voltura del contratto di fornitura.

E quindi assessore, risponda alle nostre domande, che anche molti aretini si stanno facendo: l’appalto affidato nell’anno 2020 per una durata di 13 anni per un importo di oltre 25 milioni di euro è cosi conveniente per il Comune e per i cittadini di Arezzo, avendo inserito la clausola che la quota energia, incidente sul canone per circa l'80%, viene revisionata trimestralmente in base all'andamento di mercato? Cosa è compreso nel canone trimestrale che il Comune paga alla ditta aggiudicataria? Chi paga le bollette dell’energia elettrica? Per chi è il risparmio? Per il Comune o per la ditta aggiudicataria? Ci sembra che in questa vicenda ci sia sempre più buio, in tutti sensi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lampioni spenti, polemica continua. Il Pd: "Un incidente e disagi. Ma chi risparmia, il Comune o la ditta?"

ArezzoNotizie è in caricamento