menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La notte delle tre buste, parte degli orlandiani si smarcano da Ralli. E' ancora tempo di trattative nel Pd

La vicenda comincia ad assumere un contorno paradossale, a metà tra il comico e il giallo tipo "invito a cena con delitto". Nel giorno di chiusura delle candidature per il prossimo segretario provinciale del Partito Democratico di Arezzo...

La vicenda comincia ad assumere un contorno paradossale, a metà tra il comico e il giallo tipo "invito a cena con delitto".

Nel giorno di chiusura delle candidature per il prossimo segretario provinciale del Partito Democratico di Arezzo, invece che arrivare ad un candidato unitario, che praticamente tutte le forze in campo auspicavano, si è giunti alla conferma dei due candidati ormai usciti allo scoperto e alla presenza sul tavolo di una terza busta, il cui contenuto non è noto alla massa e nemmeno a gran parte degli iscritti del Pd. Si presume ne abbiano notizia invece il candidato stesso che ha dovuto firmare il modulo e i 40 che lo hanno sostenuto.

Voci raccontano che sia stato Francesco Ruscelli a recapitare il plico alla segreteria provinciale di piazza Sant'Agostino, ieri sera tardi. Il segretario uscente Massimiliano Dindalini lo ha consegnato alla commissione congressuale che, vista l'ora, ha deciso di aggiornarsi per aprire le tre buste e verificarne i contenuti. Se di due sappiamo già il contenuto, perché prima Albano Ricci, poi Luciano Ralli, hanno ufficializzato la propria candidatura, del terzo il nome non è noto, ma probabilmente l'area di riferimento sì. Dovrebbe trattarsi di un orlandiano, i seguaci della mozione del ministro della giustizia avrebbero in gran parte ritirato il proprio appoggio a Ralli nel tardo pomeriggio di ieri.

La decisione di rimandare l'apertura delle tre buste a mercoledì sera con una nuova riunione della commissione congressuale, dovrebbe avere un significato ben preciso. Prendere tempo, ancora, per trovare una sintesi, per arrivare nel giro poche ore ad un percorso unitario, un unico candidato per il congresso del Pd aretino, c'è chi crede che sia ancora possibile. Stando così le cose, l'affacciarsi sulla scena del terzo candidato, che per il momento resta mister X, appare una mossa per spaccare il fronte degli orlandiani, minare le possibilità di Ralli e favorire Ricci.

Sul piatto era arrivata anche una proposta per Ralli per un ruolo nella segreteria regionale del Pd, ma che pare sia stata rifiutata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Anthony Hopkins a Cortona dopo l'Oscar

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Psicodialogando

    Coppie che scoppiano, anche a Hollywood

  • social

    Il menestrello Grifo, il 'morto resuscitato' del castello di Poppi

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento