La fusione a 6 in Casentino, Mugnai: "Solo guerre tra sindaci la Regione doveva fare la proposta"

«Sul riassetto istituzionale del Casentino stava a noi, al Consiglio regionale, formulare una proposta complessiva di riorganizzazione. Invece si è scelto l’atteggiamento pilatesco di sottoporre ai cittadini due referendum distinti, avallando in...

Casentino

«Sul riassetto istituzionale del Casentino stava a noi, al Consiglio regionale, formulare una proposta complessiva di riorganizzazione. Invece si è scelto l’atteggiamento pilatesco di sottoporre ai cittadini due referendum distinti, avallando in questo modo le guerre tra sindaci Pd che logorano le comunità locali. Per questo non prenderemo parte al voto».

Così il capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Stefano Mugnai che ha concluso pochi istanti fa il suo intervento in aula dove si discute la proposta di delibera 242 sui quesiti referendari relativi alle ipotesi di fusione dei comuni di Bibbiena, Chiusi della Verna e Ortignano Raggiolo e/o Chiusi della Verna, Chitignano e Castel Focognano. «Questa vicenda – ha esordito Mugnai – ha avuto tratti stimolanti anche proprio intellettualmente. Se ne esce, però, giocandoci la tripla. Il riassetto istituzionale del Casentino è un’esigenza sentita da tutti. Il problema è come. Sta a noi la competenza di fare le scelte. In questa vicenda si registra un peccato di codardia: stava a noi presentare una proposta organica. Invece così si avallano in maniera pilatesca le guerre intestine tra sindaci, del Pd nello specifico, e il parere dei cittadini diventa solo lo strumento per regolare i conti. E’ sbagliato. C’era la necessità e il dovere da parte del Consiglio regionale di elaborare e formulare una proposta, dando vita a un laboratorio anche territoriale. Qui invece abbiamo referendum che riguardano in totale cinque comuni e di cui uno esclude l’altro, e le comunità locali vengono chiamate a pronunciarsi in maniera incomprensibile». «Poi c’è il ravvedimento operoso – ha proseguito il capogruppo azzurro – con l’ordine del giorno in arrivo dal Pd, e che noi voteremo perché dice ciò che abbiamo sempre asserito fin dalla passata legislatura, in cui si sostiene la necessità in questi referendum di maggioranza in ogni singola comunità. L’esatto contrario di quanto attuato per Abetone-Cutigliano. Noi invece anzi chiediamo che il criterio si estenda a tutti i referendum di questo tipo, Subbiano-Capolona in testa. Ma qui, però, questo cosa implicherà? Si sta facendo un sacco di confusione e basta. Eppure questa Regione era partita bene, nella scorsa legislatura. In questa, invece, il tema ha assunto connotazioni vagamente centraliste che temo permarranno anche in questo appuntamento. Eppure il problema è più ampio del caso specifico: il percorso delle fusioni di Comuni è in sé virtuoso, ma declinato in questo modo che asseconda i conflitti territoriali non genera altro che malessere».
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

  • Malore a scuola: docente trasferita a Siena in codice rosso

  • Tutti i sindaci di Arezzo dal 1946 ad oggi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento