menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“L’assenza del sindaco? Arezzo non è il cda di una holding”. L'affondo di Romizi e Menchetti

"Lo dica sindaco: sono lontano da Arezzo e la motivazione è questa. Siamo certi che sarà assolutamente legittima, ma almeno porrà fine a questa pantomima"

"Arezzo non è il consiglio di amministrazione di una holding". Inizia così la nota che porta dal firma dei consiglieri comunali aretini, Francesco Romizi (capogruppo Arezzo2020) e Michele Menchetti (M5S). I due politici aretini intervengono in merito all'assenza dalla città del sindaco Alessandro Ghinelli.

"Quanto deve durare, non soltanto l’assenza, ma il silenzio? Nel mondo attuale possiamo lavorare da ogni luogo e al limite seguire comodamente dalla California le vicende aretine. Così come i membri dei cda delle multinazionali sono collegati dai quattro angoli del pianeta. Ma Arezzo non è il consiglio di amministrazione di una holding, come la sta trattando il sindaco Ghinelli, non è la sede spersonalizzata di una finanziaria ma una città di 100.000 donne e uomini che vivono con difficoltà il momento attuale, tra l'altro appena entrati in zona rossa a causa della pandemia. Servirebbero rispetto e dignità. La dignità che manca a chi si collega tre volte alla settimana su un social per inutili bollettini, mostrando come sfondo la sala di giunta di palazzo comunale. Un luogo a questo punto fantasma, di una città inesistente per citare Calvino, buono solo per chi deve fingere di essere qua mentre non lo è. Perché questa finzione e questo silenzio? Lo dica sindaco: sono lontano da Arezzo e la motivazione è questa. Siamo certi che sarà assolutamente legittima, ma almeno porrà fine a questa pantomima".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento