Insieme Possiamo: "Pieno appoggio al Comune per le azioni su Sei Toscana. Tutelare i lavoratori, il servizio e gli utenti"

Il gruppo consiliare Insieme Possiamo di Sansepolcro esprime il proprio appoggio all'Amministrazione Cornioli sulle azioni intraprese nei confronti di Sei toscana. "L'Assemblea Ato rifiuti Toscana sud nella sua ultima riunione ha deliberato di...

insieme-possiamo

Il gruppo consiliare Insieme Possiamo di Sansepolcro esprime il proprio appoggio all'Amministrazione Cornioli sulle azioni intraprese nei confronti di Sei toscana.

"L'Assemblea Ato rifiuti Toscana sud nella sua ultima riunione ha deliberato di dare mandato al Direttore Generale per richiedere un risarcimento per i numerosi disservizi che si sono verificati in molti comuni nell'ultimo mese. Dopo che il gestore ha deciso di sostituire lavoratrici e lavoratori interinali con il personale di cooperative di tipo B, il servizio non ha potuto più essere svolto secondo i parametri di continuità che dovrebbero contraddistinguerlo. Sei Toscana è una società non soggetta, in alcun modo, a rischio d'impresa: questo perché per 20 anni la gestione dei rifiuti è affidata a questa società che scarica gli investimenti sull'utenza, quindi direttamente sui cittadini. In una situazione come questa, dove un contratto ventennale garantisce pienamente il gestore, i vertici aziendali hanno scelto di sostituire i lavoratori interinali con manodopera a più basso costo, favorendo un turnover continuo che ovviamente non risponde ai minimi livelli di tutela dei lavoratori e, inoltre, non si traduce in un servizio efficiente. Insieme Possiamo, come gruppo politico di maggioranza, sostiene l'azione portata avanti dall'Amministrazione e sollecita il gestore a trovare una soluzione che dia continuità al rapporto di lavoro dei dipendenti e un confronto continuo e proficuo con le rappresentanze delle lavoratrici e dei lavoratori. Per tutelare l'interesse dei cittadini i Comuni non hanno molti strumenti. L'unico modo per incalzare il gestore a tornare su scelte che siano a beneficio degli utenti e dei lavoratori è mettere in discussione il contratto con Sei; su questo fronte siamo certi che le conseguenze di un eventuale recesso siano affrontabili e che si possa arrivare a una definizione del modello gestionale che possa tradursi in una maggior efficienza. Peccato che questo punto sia stato rinviato alla prossima seduta, perché la discussione di questa opzione avrebbe sicuramente potuto favorire l'avvio di un dibattito sul superamento di un modello che non funziona e che, come gruppo di Insieme Possiamo, da anni mettiamo in discussione."
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • I dilettanti pronti allo stop: "Se il protocollo è questo meglio fermarsi"

  • Tutti i sindaci di Arezzo dal 1946 ad oggi

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento