Incendio Raetech, Progetto Foiano: "Troppi interrogativi sulle conseguenze nel territorio"

L’incendio dell’azienda Raetech, avvenuto a Foiano della Chiana lo scorso 19 luglio, e le sue conseguenze sul territorio continuano a sollevare troppi interrogativi. Questo è ciò che denunciano pubblicamente i consiglieri del gruppo Progetto...

incendio-renzino1

L’incendio dell’azienda Raetech, avvenuto a Foiano della Chiana lo scorso 19 luglio, e le sue conseguenze sul territorio continuano a sollevare troppi interrogativi. Questo è ciò che denunciano pubblicamente i consiglieri del gruppo Progetto Foiano.

“Gli ultimi aggiornamenti relativi all’analisi delle conseguenze dell’incendio – sottolinea il capogruppo di Progetto Foiano Renato Donnini – palesavano il pericolo relativo alla dispersione di Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) e Policlorobinefili (PCB), tutti composti contenenti cloro, dunque di fatto vietati dagli anni Novanta. Se quindi ciò fosse confermato, per quale motivo si trovavano alla Raetech e perché l’area non è stata ancora sgomberata, ma continua a essere operativa?”

“Inoltre – continua Donnini – perché nessun cenno alla dispersione nell’aria di metalli pesanti quali nichel, cadmio, zinco e litio, dei quali le schede elettroniche sono ricche? Peraltro nessuno ha fatto fino ad oggi alcun riferimento alla presenza delle pile nei gruppi di continuità delle apparecchiature e dell’eventuale rilascio di piombo e acido solforico in conseguenza dell’incendio, mentre si accenna solo genericamente alla diossina? Vogliamo poi parlare della simulazione d’impatto ambientale applicata, che di norma si computa in chilometri e che invece per Foiano è sibillinamente espressa in metri, pari ancora oggi a 700?”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“In questa situazione ambigua – conclude Donnini – l’ennesima mancanza di buon senso del Sindaco Sonnati, che si premura d’indire un incontro pubblico con i cittadini, l’azienda e le autorità per conferire sul problema, senza contattare né il suo capogruppo né tanto meno le opposizioni appare un atto di gravissima scorrettezza e sul quale attendiamo risposta.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • LIVE | Elezioni, seconda proiezione Toscana: Giani 48% e Ceccardi 40,7%. Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

  • Tutti i sindaci di Arezzo dal 1946 ad oggi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento