Il primo intervento in aula di Stefano Mugnai: "No alla fiducia per questo governo"

«Non esistono soluzioni semplici a problemi complessi come quelli che l’Italia attraversa ancor più in questa fase. Andare a dire una cosa del genere ai cittadini è pericoloso. Anche per questo Forza Italia voterà convintamente contro alla fiducia...

Stefano-mugnai-camera

«Non esistono soluzioni semplici a problemi complessi come quelli che l’Italia attraversa ancor più in questa fase. Andare a dire una cosa del genere ai cittadini è pericoloso. Anche per questo Forza Italia voterà convintamente contro alla fiducia per questo governo. E ricordate: adesso voi andate incontro a una luna di miele con il Paese che vuole ed ha bisogno di un governo. Ma le lune di miele, anche nei matrimoni più felici, finiscono. Avete dubbi? Citofonate Renzi». Così il Vicecapogruppo di Forza Italia alla Camera Stefano Mugnai, intervenuto poco fa in aula a Montecitorio nel dibattito sulla fiducia al governo Conte.

«La parola che pare vincere nell’intervento del premier è ‘cambiamento’ citata come un mantra senza dire come lo si voglia declinare. Detta così – ha sottolineato Mugnai – è una parola da campagna elettorale. Quando si è chiamati a responsabilità di governo bisogna compiere uno scatto in più».

Mugnai si è poi soffermato sulla formazione di governo: «Ripetere ossessivamente che gli italiani hanno voluto questo tipo di maggioranza non lo renderà vero – incalza Mugnai – perché questa non era un’opzione offerta loro al momento del voto».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poi il richiamo alla realtà: «C’è un cambio di paradigma – osserva Mugnai – rispetto agli ultimi cinque anni in cui il M5S ha scelto quando concedersi o sottrarsi al confronto. Governando questo non sarà più possibile, perché l’agenda adesso la detta la realtà. E sarà interessante vedere come questo contratto del cambiamento avrà in sé gli strumenti per rispondere ad emergenze sin qui neppure sfiorate negli interventi tanto del Presidente del Consiglio, quanto degli esponenti dei partiti che compongono la maggioranza. Io credo che in questo momento gli italiani vogliano un governo, e un governo che governi. Ma dire loro che esistono scorciatoie o soluzioni semplici ai problemi complessi di un paese importante e difficile come l’Italia è roba molto pericolosa. Anche per questo Forza Italia darà un voto convintamente negativo rispetto alla fiducia e ci porremo con preoccupazione, ma anche con attenzione e senso di responsabilità, rispetto a tutti i passaggi che la maggioranza porterà in questa aula».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento