Politica

Il Pd Valdarno chiede le chiusura di Podere Rota, ma il Pd di Terranuova si smarca: "Quale è la soluzione concreta senza costi ulteriori?"

"Il Pd di Terranuova non ha sottoscritto il comunicato uscito negli organi di informazione, a firma coordinamento Pd Valdarno, poiché pur condividendolo in buona parte (infatti alcuni di quei punti sono stati da noi suggeriti) ci sembrava che...

AR TERRANUOVA BRAC. PODERE ROTA DISCARICA

"Il Pd di Terranuova non ha sottoscritto il comunicato uscito negli organi di informazione, a firma coordinamento Pd Valdarno, poiché pur condividendolo in buona parte (infatti alcuni di quei punti sono stati da noi suggeriti) ci sembrava che alcuni aspetti non venissero trattati in modo esaustivo".

Attacca così una nota del Pd di Terranuova Bracciolini che prosegue:

Innanzitutto chiedevamo di sapere quale fosse la soluzione concreta, alla chiusura di Podere Rota, capace di garantire il servizio a cittadini e aziende senza incrementi di costi.

Questa richiesta vuol essere un ulteriore stimolo alla ricerca della soluzione ottimale per definire un contributo politicamente serio ed inattaccabile da qualsiasi strumentalizzazione di interesse elettoralistico o populista.

E' evidente, purtroppo, che Ato Toscana Sud non arriverà in pochi mesi all'imprescindibile obiettivo del 70% di raccolta differenziata (anche se come auspichiamo venissero messi in campo fin da subito tutti gli strumenti idonei). Va pertanto configurato uno scenario impiantistico intermedio che ci accompagni fino a che quell'obiettivo non sia raggiunto. La soluzione concreta, e qui vorremmo che tutti fossero d'accordo, non può essere la discarica di Civitella Paganico. Una soluzione, questa, che farebbe naufragare il concetto ambientale di "economia circolare" e che farebbe inevitabilmente lievitare i costi per tutti i cittadini valdarnesi, i quali, vedrebbero girovagare i loro rifiuti per molti km dopo essere stati selezionati nell'impianto di "Podere Rota" (infatti il project dell'impianto di selezione si concluderà nel 2028).

Resta inoltre aperto il tema degli speciali prodotti dalle aziende toscane, dove anche i nostri concittadini lavorano, e che necessitano di una risposta.

Pensiamo che sia necessario promuovere soluzioni concrete che garantiscano i servizi e non tocchino le tasche dei cittadini.

E' inoltre nostro dovere stimolare il confronto fra comuni e Ato per offrire alla Regione una proposta credibile ed economicamente sostenibile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Pd Valdarno chiede le chiusura di Podere Rota, ma il Pd di Terranuova si smarca: "Quale è la soluzione concreta senza costi ulteriori?"

ArezzoNotizie è in caricamento