Domenica, 25 Luglio 2021
Politica

Il Comune di Civitella non concederà spazi pubblici e locali a organizzazioni neofasciste

La seduta del consiglio comunale di Civitella in Valdichiana di ieri primo ottobre, tra i numerosi ordini del giorno, ha visto l’approvazione all’unanimità "della mozione antifascista che - spiega una nota dell'amministrazione - prevede...

civitella_valdichiana1

La seduta del consiglio comunale di Civitella in Valdichiana di ieri primo ottobre, tra i numerosi ordini del giorno, ha visto l’approvazione all’unanimità "della mozione antifascista che - spiega una nota dell'amministrazione - prevede l’inserimento nei regolamenti comunali del divieto di concessione degli spazi pubblici e dei locali di cui dispone il Comune in favore di organizzazioni che si ispirino a ideologie di stampo neofascista, in ottemperanza ai valori fondanti della Costituzione della Repubblica Italiana, prevedendo al momento della richiesta di autorizzazione, una dichiarazione esplicita di riconoscimento dei valori antifascisti.

La mozione - prosegue la nota - approvata dal consiglio impegna inoltre il sindaco e la giunta a continuare nelle azioni di sostegno finalizzate a promuovere la conservazione dei valori dell’antifascismo e della Resistenza, dando particolare attenzione a promuovere iniziative culturali, in collaborazione con le scuole, affinché sia mantenuta la memoria storica, venga portata all’attenzione soprattutto delle giovani generazione il problema dei nuovi fascismi e la condanna dei movimenti razzisti, xenofobi, omofobi,antisemiti.

Le parole del sindaco Menchetti

Ritengo l'approvazione di tale mozione – dichiara il sindaco Menchetti - un atto necessario per rivendicare quei valori sanciti in Costituzione su cui si regge la nostra democrazia e libertà. Ringrazio tutti i consiglieri per l’approvazione della mozione e per aver accolto anche l’invito all’iscrizione del Comune di Civitella all’anagrafe antifascista, ulteriore profondo gesto di riconoscenza nei confronti dei nostri morti durante la strage nazifascista del 29 giugno 1944 .

Numerosi gli argomenti all’ordine del giorno dalla nomina del nuovo revisore contabile, all’approvazione del D.U.P. in cui si è evidenziato lo stato di avanzamento delle linee programmatiche di mandato alle conseguenti variazioni di bilancio che hanno evidenziato almeno due elementi centrali, l’ulteriore finanziamento per 180.000 euro sulla riqualificazione energetica, e miglioramento sismico della scuola secondaria Martiri di Civitella e l’inserimento della riqualificazione di Villa Mazzi nostra storica scuola dell’infanzia per 2.305.000 euro , progetto con il quale abbiamo partecipato ad un bando ministeriale.

Seduta che ha visto anche l’approvazione di una variante al progetto di utilizzazione dell’Istituto medaglia Miracolosa di Viciomaggio e l’approvazione del bilancio consolidato che per Civitella è rappresentato, oltre che chiaramente dal bilancio dell’ente, dal bilancio dell’Azienda speciale farmaceutica e dall’azienda partecipata Arezzo Casa. Un bilancio consolidato che evidenzia valori sia di patrimonio netto che di risultato economico in netto miglioramento a significare che se le aziende partecipate sono gestite con capacità, efficienza sono un valore aggiunto per le comunità e non “ inutili e dannosi carrozzoni”.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune di Civitella non concederà spazi pubblici e locali a organizzazioni neofasciste

ArezzoNotizie è in caricamento