Giunti: "Come faranno i genitori a mandare a scuola i figli se non ci sono i servizi pubblici a sufficienza?"

L'appello Tonino Giunti in vista della ritorno a scuola

E' preoccupato per il trasporto pubblico il consigliere di Forza Italia Giunti in prosimità della riapertura delle scuole.

"Tutti i media nazionali parlando dell'inizio della scuola ci hanno parlato sempre   dei  banchi monoposto con le rotelle e delle mascherine si o delle mascherine no. Per le scuole della Valtiberina, si pone anche un altro grosso problema: quello del raddoppio delle corse di trasporto ragazzi. La maggior parte delle scuole della Valtiberina ha come utenti alunni pendolari, i quali usufruiscono, pagando, del mezzo pubblico. Come faranno ad andare a scuola con le regole imposte dal governo nei suoi dpcm? Chi è che gestisce il trasporto pubblico per i tratti intercomunali? La Regione Toscana. Ci risulta che ad oggi , ventun giorni prima dell'inizio dell'anno scolastico non sia stato fatto nulla. Rivolgiamo un appello all'assessore competente per risolvere questo grave problema. I genitori dovranno sapere se il loro figlio andrà a scuola o farà parte del contingente che alternandosi con gli altri, continuerà la didattica a distanza, con tutti i problemi che ne conseguiranno per le famiglie".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus, calo dei casi in Toscana: oggi 962 positivi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento