Politica

Spunta l'ipotesi Ghinelli candidato Governatore della Toscana

Il sindaco di Arezzo potrebbe mettere d'accordo il centrodestra in alternativa al commissario leghista Susanna Ceccardi. L'ipotesi è stata rilanciata anche dal Corriere Fiorentino. Per Palazzo Cavallo si fa il nome di Tiziana Nisini, ma l'opzione è complicata

Nella mano del centrodestra che vuole governare la Toscana nel 2020 e fare all-in, c'è una carta su cui si concentra l'attenzione dei più: quella di Alessandro Ghinelli, sindaco di Arezzo. Un occhio di riguardo crescente, anche a seguito dell'esito elettorale delle recenti amministrative. Si nota, in particolare, la discrepanza tra i consensi (ottenuti dalla forza trainante della Lega salviniana) alle Europee e quelli più modesti incassati alle comunali: non si contano capoluoghi di provincia conquistati dal centrodestra e le sconfitte di Prato e soprattutto quella (particolarmente sonora) di Firenze bruciano parecchio. Tanto più che la vittoria aretina di Cortona rappresenta più l'eccezione che la regola.

A Cortona vince Meoni e il centrosinistra si lecca le ferite

All'alba dei verdetti ci aveva pensato il coordinatore regionale di Forza Italia e parlamentare Stefano Mugnai a gettare benzina sul fuoco:

Auguri ai nuovi sindaci di centrodestra di Cortona, Piombino ed Agliana, che vanno ad aggiungersi agli altri sindaci toscani di centrodestra (molti azzurri) che hanno vinto al primo turno. A dimostrazione che il centrodestra in Toscana può e sa ancora vincere, quando lavora per vincere però, convincendosi che gli avversari sono fuori dalla coalizione. Purtroppo si votava in quasi 190 Comuni toscani e ne abbiamo vinti solo una ventina (5 su 35 sopra 15.000 abitanti). Fa male aver perso ed aver perso male nei tre comuni capoluogo. Fa male aver perso dopo che per 4 anni in Toscana avevamo vinto come mai era accaduto. So bene che il ‘nuovo’ ha sempre maggiore appeal del ‘vecchio’. Ma la realtà ci dice che il ‘vecchio’ centrodestra in Toscana ha vinto in quattro anni 6 comuni capoluogo sui 7 che erano andati al voto, tanti altri comuni, addirittura due province. Invece il ‘nuovo’ centrodestra assiste alle vittorie del Pd nelle tre città più grandi della nostra regione ed in una marea di altri comuni.

Il Corriere Fiorentino di oggi rende conto di vari mal di pancia interni al centrodestra, focalizzandosi sul versante Lega e sulla commissaria regionale - sindaco di Cascina - Susanna Ceccardi, arrivata terza (in realtà seconda perché Salvini rinuncia al seggio) nella lista per le Europee.

(Ceccardi, nda) si è messa a fare un po' di conti - spiega il Corriere -. Ed ha scoperto che alcune province non l'hanno sostenuta come sperava: a Grosseto ha preso 1.616 preferenze, ad Arezzo 1.300, a Livorno città 900, in quella di Siena solo 707.

Nel nuovo centrodestra della Lega pigliatutto, Ceccardi dovrebbe essere in pole per la candidatura a Governatore della Toscana. Ma qualcosa, adesso, potrebbe cambiare.

I leghisti toscani, almeno in apparenza, hanno fatto quadrato intorno alla sindachessa - riporta il sito di Firenze - E ricordato come, viste le percentuali agli ultimi seggi, il candidato per la Regione debba essere espresso dal movimento guidato da Matteo Salvini. Ma qualcosa di muove anche tra i verdi. A voci basse tutti confermano come la sfida del prossimo anno sia decisiva per l'assetto politico nazionale dei prossimi 20. Conquistare l'ultima isola rossa sarebbe lo scacco matto al Partito Democratico. Una posta in palio altissima, che comporta una scelta da non fallire. 

E in questo contesto, potrebbe essere giocata la carta Ghinelli. Proprio come suggerisce il Corriere Fiorentino, nell'odierna edizione cartacea, riportando l'ipotesi avanzata ieri dal Sito di Firenze.

Un civico che piace a tutti, onesto, specchiato, serio e mai eccessivo - scrive il giornale online -. Maturo ma non vecchio, appare, almeno sulla carta, l'uomo perfetto. Nessuno, nella coalizione di centrodestra, avrebbe qualcosa da obiettare. Certo, non è un ruspista, e questo fa storcere il naso ai leghisti più intransigenti.

E tuttavia Ghinelli, recentemente, ha mostrato una spiccata sensibilità nei confronti delle tematiche care al Carroccio.

Ghinelli contro Fico: "Dedica del 2 giugno a migranti e rom? Si vergogni"

Boom della Lega alle Europee, Ghinelli: "Faremo attenzione a nuovi temi"

Va detto anche che, a stemperare l'eventualità della candidatura regionale, è stato inviato un comunicato congiunto da parte delle forze di centrodestra del Comune di Arezzo sulla ricandidatura di Ghinelli alla guida di Palazzo Cavallo anche per il quinquennio 2020-2025.

Il centrodestra unito scommette su Ghinelli sindaco nel 2020

Di sicuro l'estate sarà piuttosto movimentata, anche perché la scelta del candidato Governatore è stata annunciata per il prossimo autunno. E allora si saprà se la scelta sarà caduta su Ghinelli, su Ceccardi o su una terza opzione. Qualora Ghinelli lasci vacante il ruolo di competitor del centrodestra per Arezzo, chi lo sostituirebbe? Beh, anche in questo caso sarebbe la Lega ad avere la voce più forte in capitolo. Si rincorrono le voci che vedrebbero Tiziana Nisini come prima scelta. Il nome, ad Arezzo, circola con insistenza, ma la diretta interessata pare poco propensa. Salvini la stima e l'entrata in Senato nel 2018 - con una Lega col vento in poppa - pare il primo step di una carriera politica in crescendo.

Nisini: "Nel 2020 ad Arezzo? Vadano avanti altri"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spunta l'ipotesi Ghinelli candidato Governatore della Toscana

ArezzoNotizie è in caricamento