Politica

Banca Etruria, Ghinelli su Il Fatto: "Arezzo città martire. Che la Boschi ci lasci in pace"

"Arezzo, senza meritarselo, è divenuto crocevia di affari melmosi. Arezzo ha perso la sua banca, che era un presidio civile per la comunità. Ha presente la chiesa, la stazione dei carabinieri, il farmacista? Ecco l'Etruria. Non una banca, ma il...

AlessandroGhinelli_sindaco_USArezzo

"Arezzo, senza meritarselo, è divenuto crocevia di affari melmosi. Arezzo ha perso la sua banca, che era un presidio civile per la comunità. Ha presente la chiesa, la stazione dei carabinieri, il farmacista? Ecco l'Etruria. Non una banca, ma il luogo in cui si depositavano progetti di vita. Che pena vedere smontate le insegne. E che dazio paghiamo al Giglio magico. Arezzo è il saldo negativo della loro incompetenza, è la città martire della loro disfatta."

Questo uno stralcio dell'intervista che il sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli ha rilasciato a Il Fatto Quotidiano, al giornalista Antonello Caporale, arrivato ad Arezzo nei giorni scorsi per capire dalle parole del primo cittadino le condizioni di Arezzo post Banca Etruria.

"Meglio che la Boschi ci lasci in pace. Non si faccia più vedere in città" ha aggiunto Ghinelli "Se Montepaschi è viva, pur avendo cento o mille volte di più le responsabilità e i conti in rosso della nostra banca è perché è stata mitragliata da Boschi&company."

E Ghinelli continua sottolineando come Arezzo abbia pagato fortemente la gogna mediatica subita per il crack di Banca Etruria e che non abbia avuto affatto vantaggi:

"La conclusione è che Firenze, dove il cerchio si è stretto, è rimasta illesa. Arezzo, capitale della provincia toscana operosa, esce dalla fantasmagorica scalata al potere con le ossa rotte.

Poi un ricordo personale di quando fu ad Arezzo per l'inaugurazione del Teatro Petrarca "Rifiutò di stringere la mano al sindaco che si era alzato per portarle il saluto istituzionale della città." Su queste dichiarazioni lo attacca direttamente Maurizio Bianconi dal suo profilo Facebook che dopo una serie di racconti anche personali e storici scrive:

"La Banca l'han distrutta gli errori interni e il piano Bini Smaghi (che Ghinelli non può non conoscere, per quanto l' ho gridato dentro e fuori il Parlamento). La Boschi e Renzi hanno un grosso demerito: essersi fidati e non averci capito un... nulla. E' il piano Bini Smaghi che ha rovinato l' immagine di Arezzo, con gli 800 milioni fatti mancare per il soddisfo degli obbligazionisti subordinati.......... Quindi la Boschi ha altre colpe (mentitrice, inadeguata, smodatamente ambiziosa, presuntuosa, priva di senso istituzionale).

Ma contro il vero colpevole, mi ci son messo io e solo un giornalista coraggioso.

Ghinelli sembra, oggi più che mai, l'anello di congiunzione di un insieme di interessi, ambizioni, amicizie, privilegi da perpetuare e la sua uscita contro la Boschi altro non sembra che una tappa di questo percorso."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Banca Etruria, Ghinelli su Il Fatto: "Arezzo città martire. Che la Boschi ci lasci in pace"

ArezzoNotizie è in caricamento