Temperature ancora giù: danni all'agricoltura. L'allarme di Coldiretti, De Robertis si rivolge al Ministero

Danni a macchi di leopardo su tutto il territorio provinciale, dai vigneti del Valdarno all’ortofrutta della Valdichiana è strage agricoltura

E' un grido di allarme quello che arriva dal mondo dell'agricoltura. Associazioni di categoria e la politica sono intervenute dopo che la provincia di Arezzo si è risvegliata sotto zero. Già alle prime luci del mattino gli agricoltori erano in campagna per valutare i danni provocati da questa ulteriore sciabolata di freddo.  

Come spiegato da Coldiretti agronomi e tecnici sono a lavoro dalle prime ore di questa difficile giornata, come già era successo ieri, a fianco delle aziende agricole, per monitorare la situazione, l’improvviso abbassamento delle temperature, crollate in alcune aree di molti gradi sotto lo zero, ha provocato gelate estese nei campi coltivati con pesanti danni a frutteti, vigneti e ortaggi. 

"La situazione è davvero drammatica – spiega Francesca Lombardi, dell’omonima azienda nella zona di Bucine, dove produce olio e vino Chianti – sono moltissimi i danni provocati da quest’ultima gelata, per noi è una ‘botta’ terribile in un momento non certo facile. L’unica speranza è che nelle vigne ancora più indietro si riesca a raccogliere qualcosa, sempre che non arrivino altre gelate". 

Ed è tutta la provincia ad essere rimasta sotto la morza del gelo, con i vigneti colpiti soprattutto nel Valdarno dove le temperature sono crollate ma anche il Valdichiana, a distanza di pochissimi giorni, si ritorno a fare i conti con il maltempo senza regole.

"Stiamo monitorando tutto il territorio per una verifica della situazione – spiega Raffaello Betti, direttore di Coldiretti Arezzo – sono moltissime le aziende che hanno subìto danni con grave rischio per i raccolti futuri. Danni occorsi a macchia di leopardo un po’ in tutta la provincia. Difficile stabilirli in termini economici al momento. Stiamo seguendo le aziende passo passo, in tempo reale, per verificare la situazione e portare loro tutto il sostegno possibile. Plaudiamo – conclude il Direttore Betti - all’impegno della Vicepresidente del Consiglio regionale Lucia De Robertis che si è subito attivata con il Ministero delle Politiche Agricole in merito, spingendo sull’accelerare le modifiche sulle rese assicurabili attraverso l'assicurazione sulle produzioni agricolo".

E proprio Lucia De Robertis da tempo in contatto con il Ministero per varare nuove regole a sostegno degli agricoltori ha sottolineato le difficoltà a cui devono far fronte le aziende.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Mi sono subito messa in contatto col dirigente del Ministero delle Politiche Agricole con cui sto lavorando alla riforma dell'assicurazione sulle produzioni agricole, per accelerarne l'approvazione - ha detto De Robertis - il tema è quello dei quantitativi massimi di prodotto che gli agricoltori possono assicurare beneficiando del contributo pubblico per pagare il premio. Dal Ministero mi hanno immediatamente fatto sapere che la questione è stata predisposta e trasmessa al gabinetto del Ministro Bellanova".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gilet arancioni in piazza, Vasco Rossi rilancia il post di Scanzi: "La farsa ha preso il posto della realtà"

  • Non solo in tv: la Crew Dragon sarà visibile anche nei cieli italiani

  • Scontro frontale tra due moto: morto un centauro di 48 anni

  • Buoni postali fruttiferi, 100mila euro riconosciuti a un risparmiatore aretino. Il caso

  • Mascherine: dal 31 maggio stop alla distribuzione nelle farmacie, in arrivo nuove modalità

  • Obbligo di mascherine sempre, ecco cosa dice l'ordinanza del sindaco

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento