Gagnarli (M5S): "Il superbonus al 110% sta facendo bene alle imprese edili di Arezzo"

“Stiamo facendo in modo che grazie al Recovery Fund il provvedimento sia esteso oltre l’attuale scadenza di dicembre 2021, almeno fino al 2024" spiega la deputata aretina

Chiara Gagnarli, M5S

Il superbonus spinge l’edilizia e stimola la nascita di imprese edili e questo consente al sistema imprenditoriale italiano di tenere le posizioni. "Sono le parole con cui UnionCamere-InfoCamere dice che il Superbonus 110%, provvedimento frutto di una battaglia del Movimento 5 Stelle in Parlamento e sostenuto dal Governo, così come il bonus per la ristrutturazione facciate del 90%, sono un volano per la nostra economia e per l’occupazione dell’edilizia e nell’indotto. Grazie al Superbonus i cittadini rendono le loro case più efficienti e sicure con tanti interventi completamente coperti dall’agevolazione fiscali e praticamente a costo zero”. Lo dichiara in una nota la parlamentare del Movimento 5 Stelle Chiara Gagnarli.

“Stiamo facendo in modo che grazie al Recovery Fund il provvedimento sia esteso oltre l’attuale scadenza di dicembre 2021, almeno fino al 2024 – spiega la deputata - proprio per stabilizzare e rendere duraturi i benefici della misura sui territori con un vero cambio di paradigma economico e culturale”.

“Sempre l’analisi nazionale di UnionCamere conferma che le ‘risorse per l’efficientamento energetico e la messa in sicurezza del patrimonio immobiliare sembrano avere inciso sulla vitalità di un settore cruciale come quello delle costruzioni che, tra luglio-settembre a livello nazionale si segnala per un incremento dello 0,6% su base trimestrale, il doppio rispetto allo stesso periodo del 2019’. Un dato importante che conferma l’importanza di questa agevolazione fiscale"  

“Sul territorio della provincia di Arezzo il Superbonus ha prodotto, come confermano i dati Unioncamere-Infocamere, un incremento di 41 aziende nel settore edile, dalle piccole realtà individuali agli specialisti di impiantistica e di finitura degli edifici. In totale sul periodo giugno-settembre si è passati da 3.658 aziende a 3.699 del settore”.

“Sempre dall’analisi a livello nazionale emerge che per i tre quarti delle imprese questa crescita si deve alle piccole realtà individuali, agli specialisti nelle attività di impiantistica e di finitura degli edifici e ai posatori di infissi. Segno che la piccola e media impresa potrà trarre grande giovamento dalla riconversione ecologica dell’economia e da un’edilizia che garantisce efficienza, sicurezza e risparmio alle famiglie” conclude la deputata del Movimento 5 Stelle.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • "In tre giorni la situazione è precipitata", il messaggio del veterinario Brandi che lotta contro il Covid

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento