Fratelli d'Italia contro l'ultimo decreto Conte: "Nessuno può toglierci il pane per le nostre famiglie"

La sezione di Castiglion Fiorentino del partito si è detta pronta al dialogo con ristoratori e categorie economiche per farsi portavoce delle loro istanze

Sonia Ghezzi, Fdi Castiglion Fiorentino

Un confronto con i ristoratori per comprendere bene le difficoltà e le richieste di questo momento. È il coordinamento Fratelli d'Italia di Castiglion Fiorentino a lanciare l'iniziativa che mira, come ribadito dai militanti del partito, a ribadire la propria vicinanza a tutte quelle categorie colpite dalle recenti disposizioni contenute nel decreto Conte del 24 ottobre scorso.

"Sbalorditi dall'ultimo scandaloso decreto del presidente del consiglio dei ministri - fanno sapere i militanti castiglionesi di FdI - esprimiamo la più totale solidarietà a tutti i cittadini vittime impotenti delle ultime restrinzioni forzate. In particolar modo la nostra fattiva vicinanza va alle categorie di lavoratori maggiormente colpiti dall'ultimo Dpcm. Riteniamo inaccettabile che un governo costringa alla chiusura quelle stesse attività alle quali, poche settimane prima, aveva imposto adeguamenti costosissimi sostendo che solo così avrebbero potuto rimanere aperte. Siamo contrari a tutte quelle restrizioni che colpiscono determinate categorie di lavoratori, così come non ha senso individuare fasce orarie fantomaticamente pericolose tralasciando invece situazioni palesemente più pericolose come l'affollamento nei mezzi di trasporto. La sezione di Fratelli d'Italia di Castiglion Fiorentino è sempre stata, e oggi più che mai è, a completa disposizione delle categorie colpite da quest'ultimo inaccettabile decreto. Ascolteremo quanti vorranno esprimere la propria opinione così da poter essere portavoce di istanze sia nei tavoli comunali che in quelli regionali. I dirigenti del circolo "Cadorna" sono già in prima linea contattando i ristoratori castiglionesi per poi passare alle altre categorie".

"Riteniamo indispensabile la presenza nel territorio, fra le persone e, in questo caso, fra gli imprenditori locali, al fine di supportare tutte le categorie produttive ed essere il tramite nei tavoli istituzionali di riferimento - commenta la responsabile castiglionese Sonia Ghezzi - in questo momento di difficoltà siamo al fianco di tutti coloro che non vedono più un futuro, che si sentono abbandonati a sé stessi e addirittura traditi dalle istituzioni. Il nostro impegno è quello di amplificare le loro voci al fine di far valere i propri diritti. Nessuno può toglierci il pane per le nostre famiglie. Per coloro che volessero dare il proprio contributo oppure ricevere informazioni è attivo l’indirizzo mail fdi.castiglionfiorentino@gmail.com"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento