Covid, FdI: "Giani svegliati, le persone stanno perdendo gli stipendi aspettando i tamponi"

Il gruppo di Fratelli d'Italia in consiglio regionale denuncia: "Mentre il numero di positivi cresceva in modo esponenziale ogni giorno, Giani e i partiti di maggioranza erano chiusi nei palazzi a discutere di poltrone"

“I medici di famiglia sobbarcati di migliaia di pratiche e richieste di tamponi, i cittadini costretti ad attese di giorni e giorni per avere l'esito dei test e intere famiglie - ormai guarite - in attesa di una liberatoria che non arriva mai nei tempi indicati dai dpcm e dalle ordinanze regionali. Questa è la situazione che stiamo vivendo in Toscana, denunciata ieri anche dagli stessi medici di famiglia”. E' quanto denuncia il gruppo di Fratelli d'Italia in consiglio regionale.

“Non passa giorno - proseguono Torselli, Capecchi, Fantozzi, Petrucci e Veneri - senza scoprire che la macchina organizzativa messa in piedi per fronteggiare la crisi sanitaria sia malfunzionante. Durante l'ultimo Consiglio regionale abbiamo fatto notare al presidente Giani come abbia perso un mese di tempo nelle lotte interne al centrosinistra, anziché nominare, un minuto dopo essere stato eletto governatore, l'assessore alla sanità. La risposta di Giani è stata che la sanità fino ad oggi è stata gestita direttamente da lui: bene! Anzi male, molto male, se questi sono i frutti del suo lavoro. Mentre il numero di positivi cresceva in modo esponenziale ogni giorno - concludono i consiglieri di Fratelli d'Italia - Giani e i partiti di maggioranza erano chiusi nei palazzi a discutere di poltrone. Intanto il sistema sanitario toscano è fermo, i medici e molti reparti sono indaffarati nel gestire la crisi Covid e di conseguenza viene meno la quotidiana attenzione per le altre patologie. Veniamo a sapere ogni giorno di interventi ordinari che non vengono eseguiti nei presidi sanitari toscani, mettendo così a rischio la salute dei cittadini. Ma non è finita qui. Le persone sono chiuse in casa in attesa di sapere se sono ancora positive oppure aspettando un semplice foglio che non arriva. Così perdono giornate di lavoro e stipendio. Con il buonsenso e un ascolto adeguato dei professionisti, molte difficoltà potrebbero essere superate”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento