Forza Italia: "Tanti non si dimette? Se è una scelta 'sofferta' rinunci ai 2mila euro da assessore"

L'assessore è uscito dal partito a seguito della scissione nazionale di Giovanni Toti e gli azzurri non hanno più una rappresentanza in giunta. Lucia Tanti ha annunciato di continuare come assessore e FI chiede una scelta di "coerenza"

Nota di Forza Italia Arezzo su Lucia Tanti, assessore comunale della giunta Ghinelli fuoriuscita dal partito a seguito della frattura dell'ormai ex coordinatore nazionale del partito Giovanni Toti.

Vogliamo mettere una volta per tutte la parola fine a polemiche che da troppi giorni investono, ingiustificatamente, Forza Italia e la maggioranza.

Attacca così la nota firmata dal gruppo consiliare di Arezzo, dal coordinamento comunale e provinciale del partito.

LuciaTanti dice addio a Forza Italia e segue Toti: "Scelta inevitabile"

Sono giorni che veniamo tirati per la "giacchetta" relativamente a nostri presunti comportamenti, addirittura definiti “irresponsabili” che persino arrivano a ipotizzare una nostra volontà di far cadere la giunta Ghinelli ed il sindaco che Forza Italia, per prima, candidò in un momento nel quale molti che ora "pontificano" neppure lo conoscevano di persona, né avevano contezza di Arezzo e della sua prospettiva politica.

Il resto della maggioranza contro Forza Italia: "Con chi state?" Chiesta la verifica

Vogliamo dire a gran voce - continua la nota forzista - che non abbiamo mai messo in discussione la maggioranza né abbiamo intenzione di farlo adesso. Con senso di responsabilità non abbiamo quindi risposto a sterili ed ingenue provocazioni. Nei confronti del sindaco Ghinelli siamo stati sempre un leale supporto in questi anni e, da ultimo, siamo stati gli unici persino a manifestare con l’autorevole voce dei parlamentari D’Ettore e Mugnai, il nostro sostegno garantista dopo l’esplosione del ciclone giudiziario Coingas, quando nessuno intorno a lui ha espresso il benché minimo parere nel merito. Quindi di cosa parliamo? Si è tentato di trascinarci in una "verifica", tramite social e media, che non abbiamo chiesto;- abbiamo detto agli alleati che parleremo  a tempo debito con loro e col Sindaco di tutto perché vogliamo sapere cosa è esattamente successo anche su Coingas e su altre questioni che hanno probabilmente gettato ombre di discredito politico su tutto il centrodestra aretino e che vanno chiarite, a largo raggio, per ridare slancio all'azione politica locale.

"Ben venga la verifica"

Adesso diciamo noi ben venga la "verifica", ben vengano i chiarimenti e tutto quello che ne conseguirà, per volontà principale di chi pare volere in tutti i modi superare il metodo del leale e costruttivo confronto politico alla ricerca, invece, di inutili e reiterate polemiche pubbliche, di natura meramente personale o di partito, anche di "partiti" neonati.

Capitolo Tanti: "Restituisca il compenso"

Quanto all’assessore Tanti ci colpisce questa sua attuale, personale furia politica anti-Forza Italia, che va oltre le stesse posizioni di Toti, quando dal nostro partito è stata sempre valorizzata e premiata politicamente. La ricordiamo per Forza Italia, prima in Regione con ruolo importante e giustamente ben retribuito, poi indicata al sindaco Ghinelli, in una rosa di nomi, come assessore, ovviamente e legittimamente retribuito come attività anche di lavoro della stessa. La cosa che stona, sul piano squisitamente politico, è che noi abbiamo fatto solo notare che se si trattava di una scelta "ideale" e "sofferta" quella di abbandonare Forza Italia, come Ella ha evidenziato solo tramite i media, l’avrebbe dovuta e potuta eventualmente corroborare con le dimissioni e, soprattutto, tramite la rinuncia all’emolumento di assessore che si aggira, pare, attorno ai 2mila euro al mese. Se in adempimento di un suo proprio dovere politico, l'assessore ritiene soggettivamente che debba addirittura continuare nel suo incarico, avrebbe potuto subito rinunciare alla retribuzione, visto, per di più, che si trattarebbe di una scelta, appunto sofferta e “pagata” veramente sul piano politico personale, come la stessa ha ribadito. Facile oggi venire ad impartire lezioni di comportamento senza aver rinunciato politicamente a nulla, se non, guarda caso, proprio alla parte politica che nel 2015 l’ha indicata come assessore e che ha ed aveva al suo interno altre valide e competenti figure e personalità politiche.

Forza Italia: "Tanti fuori, ora si dimetta per coerenza"

Su di una cosa siamo d’accordo con l’assessore Tanti: è vero che in Forza Italia ci sono tante persone responsabili e questo senso di responsabilità servirà moltissimo quando con gli alleati faremo il punto per come procedere per le amministrative di Arezzo 2020. Siamo certi che ogni polemica ulteriore cesserà e che si potrà a tempo debito discutere in un sereno confronto con il sindaco ogni questione.

Tanti: "Dimettermi? Deciderà il sindaco Ghinelli"

Potrebbe interessarti

  • Insetti in casa: scutigera, perchè conviene non ucciderla

  • Sigarette addio: trucchi e consigli per smettere di fumare

  • Le Vertighe: la storia del santuario e dell'immagine di Maria, patrona dell'autostrada

  • Prima di partire per un lungo viaggio...non dimenticare queste 8 cose

I più letti della settimana

  • Sagre e feste paesane: un calendario completo per non perderne nessuna

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Cade dalle scale e muore: tragedia in provincia di Arezzo

  • Rave party abusivo: irrompono carabinieri e polizia, 70 ragazzi denunciati. Cinque sono aretini

  • Ragazza di 25 anni si schianta contro il guard rail sul ponte della Meridiana

  • Tre scosse di terremoto avvertite in Casentino, Valtiberina e Arezzo: l'epicentro è in provincia di Forlì

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento