La maggioranza chiede la verifica a Forza Italia: "Con chi state?". Lucia Tanti: "La mia testa in giunta? Sceglierà Ghinelli"

Secondo alcune indiscrezioni delle ultime ore, i consiglieri di Lega, FdI, OraGhinelli e gruppo misto avrebbero preso carta e penna e scritto ai colleghi di FI

E poi Lucia Tanti, dopo 20 anni di militanza convinta e sincera come lei sostiene, lasciò Forza Italia.
Valigia fatta, niente ferie estive ancora, ma via al trasloco verso un'altra casa politica. Un cambiamento che l'assessore della giunta Ghinelli aveva già in qualche modo preannunciato e che adesso è pronta ad intraprendere al fianco di Giovanni Toti, ex coordinatore del partito azzurro.

Ma questo non è il fatto politico più rilevante dell'estate. No, ce ne è un altro.
Voci di corridoio ben informate parlano di una lettera indirizzata ai capogruppo in consiglio comunale di FI e con la quale si chiedono spiegazioni in merito alle posizioni tenute sulle vicende più controverse e rilevanti dell'estate aretina, si legga affaire Raro Festival, Coingas, inchieste giudiziarie, eccetera, eccetera, eccetera.

Costi del Raro Festival. Voce contro di Angelo Rossi

Sempre stando ai rumors, la missiva porterebbe la firma di tutti i capogruppo degli schieramenti che compongono la maggioranza in consiglio comunale. I colleghi di banco avrebbero chiesto chiarimenti per comprendere le volontà degli amici forzisti. La lettera, per opportuna conoscenza, sarebbe poi stata recapitata anche alla giunta comunale.

Con ogni probabilità, la risposta e l'incontro che viene richiesto avverrannoi nelle sedi e nelle date ritenute opportune oppure, il chiarimento arriverà in altro modo, in altra forma.

Quello che invece non è più solo un bisbiglio ma un fatto concreto è che Forza Italia, partito che nel 2015 ha sostenuto la campagna elettorale di Ghinelli e popoloso gruppo di maggioranza, oggi non ha più un suo assessore di riferimento.

Prendiamo atto delle dimissioni di Lucia Tanti da Forza Italia, apprese a mezzo stampa. Era stata indicata tra una rosa di nomi, benchè non fosse stata eletta consigliere comunale e non avesse corso come candidato nella lista comunale di Forza Italia. Lei era espressione del nostro partito all'interno della giunta di Arezzo che adesso si trova senza una propria rappresentanza pur essendo il partito di maggioranza con più consiglieri. Rappresenteremo al sindaco Ghinelli la cosa nel corso del prossimo incontro, per definire insieme come procedere nei prossimi mesi. Auguriamo all'assessore una buona attività di natura politica nella nuova, costruenda, formazione di Toti. Per quanto riguarda il suo incarico in giunta siamo certi che coerentemente ci comunicherà le sue determinazioni e prenderà atto della sua scelta in merito.

Pronta la presa di posizione da parte dell'assessore.

"Per quello che riguarda la mia posizione in giunta - conclude Lucia Tanti - rimetto la mia testa alle scelte di Alessandro Ghinelli, sindaco di Arezzo. Sono una persona razionale - spiega Lucia Tanti - e faccio quello che dico. Ho quarant'anni e la mia carriera politica è iniziata e si è sviluppata in questo partito. Oggi però non lo riconosco più come mio. Si badi bene, non ho scelto di abbandonarlo per andarmente con schieramente completamente avulsi da questa cerchia. Ho scelto comunque di appoggiare uno dei coordinatori nazionali. Non ho fatto le valigie e sono andata altrove. Semplicemente non lo sento più vicino come un tempo. Ci tengo inoltre a sottolineare che la mia scelta di lasciare FI è completamente nazionale. Certo che anche le recenti vicissitudini nonché alcune considerazioni espresse dai colleghi locali mi hanno reso meno sofferto il distacco".

Recentemente, alcune delle critiche più pesanti, sono arrivate direttamente dai banchi della maggioranza e, nello specifico, da Forza Italia. 

"Comune e Coingas promuovano azione di responsabilità sugli amministratori"

Verso la verifica totale con il sindaco Ghinelli. La litigata social tra Tanti e Scapecchi

Mugnai (FI): "Siamo garantisti, ma c'è preoccupazione perché sappiamo leggere e anche sillabare"

La cronologia delle ultime settimane ha visto piovere le proverbiali "pallottole di fuoco amico" sparate su buona parte degli argomenti caldi dell'estate. A partire dalla ormai celebre "verifica a 360°" richiesta dai forzisti all'indomani del vertice che li ha chiamati a raccolta a fine luglio, fino ad arrivare alle stilettate social di Angelo Rossi e Federico Scapecchi che sul Raro Festival e sui costi della manifestazione non si sono certo risparmiati. 

Insomma una situazione difficile che, con ogni probabilità, sarà definita meglio nelle prossime ore o settimane.

Potrebbe interessarti

  • Insetti in casa: scutigera, perchè conviene non ucciderla

  • Le Vertighe: la storia del santuario e dell'immagine di Maria, patrona dell'autostrada

  • Smartphone, occhio al virus FinSpy che spia i nostri cellulari

  • Come pulire il pelo dei nostri amici a quattro zampe. I consigli

I più letti della settimana

  • Sagre e feste paesane: un calendario completo per non perderne nessuna

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Cade dalle scale e muore: tragedia in provincia di Arezzo

  • Rave party abusivo: irrompono carabinieri e polizia, 70 ragazzi denunciati. Cinque sono aretini

  • Ragazza di 25 anni si schianta contro il guard rail sul ponte della Meridiana

  • Insetti in casa: scutigera, perchè conviene non ucciderla

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento