Sabato, 12 Giugno 2021
Politica

"La Fortezza va valorizzata, quanto devono aspettare gli aretini?"

L'intervento di Azione Arezzo che propone una serie di iniziative legate alla struttura monumentale del centro storico che attende di essere pienamente fruita

Azione Arezzo chiede al Comune di aprire e valorizzare la Fortezza medicea con tempi rapidi per attuare progetti culturali e turistici non più differibili. Nei giorni scorsi, il direttore della Fondazione Guido d'Arezzo Cinatti, illustrando gli appuntamenti in programma ad Arezzo per i prossimi mesi, ha annunciato che per l'estate 2021 non ci saranno eventi in Fortezza e al teatro Petrarca. Il Centro Guide ha chiesto chiarimenti a proposito delle prospettive del turismo culturale. E adesso si muove anche la politica, oltre ad Azione si registra anche l'intervento di Arezzo 2020.

"La città di Arezzo ha un patrimonio ricchissimo che deve essere valorizzato nel migliore dei modi, ma per farlo c’è bisogno di progettualità e lungimiranza. Ricordiamo - spiegano da Azione Arezzo - che quando la Fortezza fu ristrutturata, la Fraternita dei Laici presentò una serie di progetti finalizzati a darle vita e a metterla a disposizione degli aretini, progetti che poi, non sono mai stati realizzati. Pensiamo che si debbano intraprendere tutte le iniziative utili e necessarie per far sì che la Fortezza diventi un bene sempre aperto ed accessibile, così come chiedono anche le guide turistiche della città, per essere occasione d'incontro sia per gli abitanti della città che per i tanti turisti, che certamente torneranno a visitarci. Non dimentichiamo che dall'alto dei suoi spalti, si gode un panorama spettacolare a 360°, della città. Per fare questo c’è bisogno di renderla sostenibile, creando al suo interno movimento e commercio, ad esempio aprendo un bookshop per i visitatori o anche offrendo uno spazio vendite, ai produttori del territorio, creando un sistema di turismo circolare per permettere a tutta la cittadinanza di usufruire del nostro patrimonio. Chiediamo che la Fortezza diventi un polo strutturato per eventi culturali, artistici, gastronomici e d'intrattenimento, attrattivo per i turisti di tutto il mondo, mettendo in pratica i progetti sono pronti da anni, ma non sono mai stati realizzati. Rammentiamo che, durante la ristrutturazione della Fortezza, sono stati trovati negli scavi una serie di reperti archeologici che non sono mai stati esposti. Quale luogo migliore per una mostra permanente, che il posto esatto per cui sono stati creati, seguendo i più attuali dettami dell'archeologia contemporanea? Chiediamo all'amministrazione comunale di attuare tutto quanto già in progetto da anni e di non far aspettare ancora la città di Arezzo per vedere valorizzato la nostra cultura e per dare lavoro a chi vive grazie anche al nostro patrimonio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La Fortezza va valorizzata, quanto devono aspettare gli aretini?"

ArezzoNotizie è in caricamento