Ferrovia Arezzo-Chiusi. Lega Nord: "Disservizi all'ordine del giorno, serve un nuovo gestore"

“Ci sono alcune linee ferroviarie regionali che sono martoriate da reiterati disservizi, altamente penalizzanti per i tanti pendolari che usufruiscono del treno per recarsi al lavoro ed a scuola”. Sono i consiglieri regionali della Lega Nord...

stazione_live_5

“Ci sono alcune linee ferroviarie regionali che sono martoriate da reiterati disservizi, altamente penalizzanti per i tanti pendolari che usufruiscono del treno per recarsi al lavoro ed a scuola”.

Sono i consiglieri regionali della Lega Nord Marco Casucci ed Elisa Montemagni a prendere la parola in merito alla situazione riguardante i disservizi e le problematiche della linea ferroviaria Arezzo-Chiusi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La nostra attenzione - sottolineano i consiglieri - si è particolarmente appuntata sulla tratta Arezzo-Chiusi che è, come più volte riportato dalla stampa, una delle linee maggiormente e pesantemente interessate da guasti e disagi vari. Per tale motivo abbiano predisposto un apposito atto in cui chiediamo, innanzitutto, all’assessore competente le effettive ragioni tecniche che stanno comportando i pesanti disservizi. Inoltre vogliamo sapere se la Regione Toscana non ritenga giusto ed opportuno prevedere la messa a punto di uno specifico sistema di monitoraggio, alfine di prevenire le criticità e ridurre così i disagi per i passeggeri. Per di più riteniamo sia necessario attivarsi presso Trenitalia ed il Ministero dei Trasporti, affinché il Governo ed il gestore del servizio, prestino la dovuta attenzione alla predetta tratta ed in generale a quelle in maggiore sofferenza, per limitare i deleteri disservizi. Infine concludono Casucci ed Montemagni - siamo curiosi di sapere come mai la Regione Toscana si voglia precludere la possibilità di collaborare con altri partners, diversi da Trenitalia, per l’esercizio delle varie tratte ferroviarie”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento