rotate-mobile
Lunedì, 30 Gennaio 2023
Politica

Provincia, sfida Chiassai-Polcri. FdI: "Il sindaco di Anghiari ha tradito i suoi elettori, si dimetta"

Difficile non parlare di uno scontro frontale leggendo le righe del comunicato di Fratelli d'Italia

"Polcri ha tradito i propri elettori ne auspichiamo le dimissioni". Difficile non parlare di uno scontro frontale leggendo le righe del comunicato di Fratelli d'Italia. Il tema è ovviamente quello delle elezioni provinciali che si svolgeranno a breve e dove il centrodestra si è unito attorno alla figura di Silvia Chiassai Martini, prima cittadina di Montevarchi e presidente uscente della Provincia. 

"Sono state raccolte quasi 170 firme in tutte le vallate della provincia e i sindaci sostenuti da maggioranze di centro destra si sono dichiarati favorevoli a un secondo mandato per la Presidente uscente, consapevoli che solo Chiassai è in grado di portare avanti l’ottima amministrazione provinciale per concludere i tanti progetti avviati, uno su tutti la realizzazione della prima Cer (Comunità Energetica Rinnovabile) in Italia, e di continuare a rilanciare il ruolo dell’Ente Provincia che il PD ha voluto depotenziare in maniera irresponsabile con la legge dell’ex ministro Pd Delrio".

Fratelli d'Italia dopo questa anticipazione volge la sua attezione sullo sfidante che arriva non proprio dal centrosinistra quanto semmai da un sindaco come Alessandro Polcri, vicino al centrodestra e primo cittadino di Anghiari, che avrebbe poi alle urne il sostegno del centrosinistra. Una candidatura dettata da motivi 'personalistici' scrive FdI nella sua nota. 

"La candidatura di Polcri come alternativa a Silvia Chiassai lo colloca fuori dal centro destra, inoltre la sua lista è sostenuta essenzialmente da eletti del Pd e propaggini di centro sinistra, configurando un vero e proprio “tradimento del mandato politico ed elettorale”. Fratelli d’Italia si vede quindi costretta, per coerenza con i propri elettori, a chiedere le dimissioni di Polcri da primo cittadino di Anghiari. Polcri si è prestato al gioco disperato delle correnti interne al PD, candidato solo di una parte del PD e nello specifico di Ceccarelli, Ruscelli e del solito Donati, il “perdente di successo”, che da tempo inquina gli schieramenti rincorrendo velleità personali e che oggi finalmente getta la maschera e torna nell'alveo politico che lo ha generato: la sinistra".

La campagna elettorale si è già infiammata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provincia, sfida Chiassai-Polcri. FdI: "Il sindaco di Anghiari ha tradito i suoi elettori, si dimetta"

ArezzoNotizie è in caricamento