Politica

Ente Acque Umbre Toscane: sì a bilancio esercizio 2016 dal Consiglio regionale toscano

"Il valore della produzione al 31 dicembre 2016 ammonta a 4milioni e 187mila euro (era 4milioni e 475mila 700 a fine 2015, lo scostamento è del 6,44 per cento) e denuncia in positivo un piccolo utile d’esercizio per 13mila euro”. Questi alcuni...

"Il valore della produzione al 31 dicembre 2016 ammonta a 4milioni e 187mila euro (era 4milioni e 475mila 700 a fine 2015, lo scostamento è del 6,44 per cento) e denuncia in positivo un piccolo utile d'esercizio per 13mila euro". Questi alcuni dati ricordati da Stefano Baccelli, presidente della commissione Territorio e ambiente nell'illustrazione della proposta di delibera sull'approvazione del bilancio d'esercizio 2016 dell'Ente Acque Umbre Toscane. L'atto è stato approvato a maggioranza.

Le poste più importanti, ha ricordato Baccelli, riguardano "la quota spese generali su lavori in concessione per circa un milione e 460mila euro (34,82 per cento dei ricavi totali)", in diminuzione di circa il 40 per cento rispetto al 2015 e i proventi dall'esercizio di impianti irrigui per 2milioni 706mila circa" (64,64 per cento dei ricavi totali), in aumento del 34,55 per cento rispetto al 2015. I costi della produzione ammontano a 4milioni e 83mila (meno 6.87 per cento rispetto al consuntivo 2015). Il presidente ha citato i principali investimenti nel corso del 2016, "la sistemazione della sponda dell'invaso Diga Chiascio per 5milioni e 237mila euro; l'adduzione della diga di Montedoglio (vari lotti di intervento) per 761mila 213 euro; la realizzazione delle vasche (laghetti), il sistema di adduzione in Valdichiana, 247mila euro e l'adduzione della diga Chiascio vari lotti per 2milioni e 824mila".

Andrea Quartini ha espresso l'astensione del Movimento 5 Stelle, motivata da alcune criticità come la mancanza della "nomina del collegio dei revisori dei conti" e l'"assenza di chiarezza sul sistema tariffario soprattutto in relazione al bisogno di stabilità di questo ente".

Astensione anche da parte di Sì-Toscana a sinistra. "Alle criticità espresse da Quartini- ha detto Tommaso Fattori -, aggiungo un problema generalizzato che riguarda il personale e il blocco delle assunzioni da parte delle pubbliche amministrazioni". "Rispetto a questo ente - ha aggiunto - sappiamo che solo le dighe richiederebbero sei unità di guardiania ciascuna e stanno ben al di sotto. Il controllo e la cura di opere infrastrutturali di questo tipo ha un'importanza cruciale per il territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ente Acque Umbre Toscane: sì a bilancio esercizio 2016 dal Consiglio regionale toscano

ArezzoNotizie è in caricamento