rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Fino al 2026

Prima la Regione, poi il Comune di Arezzo (con il mandato più lungo di 6 mesi). La cronologia delle prossime elezioni

Una risposta del ministero dell'interno arrivata nei mesi scorsi al comune di Moncalieri è chiara e posiziona i rinnovi, delle amministrazioni elette nell'ottobre 2020, nella primavera del 2026

La scelta delle candidature più importanti, la composizione delle coalizioni, i tempi delle campagne elettorali. Sono tante le variabili che incidono in questo lungo percorso che nel giro di 3 anni vedrà gli elettori e i partiti aretini doversi confrontare più volte con le urne. La prima, doppia, scadenza è quella di giugno con le elezioni Europee che si terranno nello stesso momento delle amministrative. Ma nel 2024 ci sarà anche il rinnovo del consiglio provinciale con il meccanismo delle elezioni di secondo livello, che a livello locale potrebbero comunque dare qualche indicazione interessante. 

Il 2025 dovrebbe invece essere, salvo sorprese, l'anno della Regione Toscana, mentre si andrà alla primavera del 2026 per il già chiacchieratissimo rinnovo dell'amministrazione del capoluogo di Arezzo. 

8 e 9 giugno 2024

L'8 e il 9 giugno ci sarà l'elezione per il rinnovo del Parlamento Europeo. Contemporaneamente gli aretini saranno chiamati a scegliere i loro amministratori in 26 comuni. I cittadini dell’Unione europea residenti nel Comune di Arezzo potranno votare per i membri spettanti all’Italia, non al proprio paese di origine, presentando entro lunedì 11 marzo apposita domanda il cui modello è disponibile sia sul sito istituzionale sia sul sito del ministero dell’Interno (https://dait.interno.gov.it/elezioni/optanti-2024).

Al momento tra le situazioni più attenzionate c'è quella di Cortona dove il sindaco uscente Meoni si ricandida con la lista civica Futuro per Cortona (e altre in preparazione) ma senza il sostegno dei partiti del centro destra che hanno scelto Nicola Carini come possibile primo cittadino. La lista o le liste per lui avranno quindi anche i simboli dei partiti: Lega, Fdi, Forza Italia, Udc, Noi Moderati. Terzo sfidante è il candidato del centro sinistra Andrea Vignini. Una condizione di partenza che molto probabilmente porterà due dei tre al ballottaggio. Tornate interessanti anche per San Giovanni Valdarno dove la sindaca Valentina Vadi si ripresenta con il centro sinistra e vede tra i suoi sfidanti il candidato di liste civiche sostenute anche dal centro destra i cui partiti non presenteranno un altro contendente.

A Terranuova Bracciolini si profila la sfida tra l'attuale sindaco Sergio Chienni per il centro sinistra e il suo attuale vice Mauro Di Ponte. Tante situazioni che si stanno delineando giorno dopo giorno con l'avvicinarsi della vera e propria campagna elettorale.

Settembre 2024

Probabilmente a settembre e con il nuovo scacchiere amministrativo ormai consolidato ci sarà l'elezione di secondo livello per il rinnovo del consiglio provinciale che va in scadenza. Saranno infatti gli eletti nei comuni a poter votare per comporre una maggioranza. Andrà invece al 2026, salvo riforme, la nuova elezione del presidente della Provincia di Arezzo. 

Ottobre 2025: elezioni regionali

Nel corso del 2025 va a scadenza il mandato del presidente Eugenio Giani in Regione Toscana. Sembra sempre più probabile che le elezioni saranno indette esattamente cinque anni dopo e cioè nel mese di ottobre. Una tornata che questa volta non coinciderà con quella del Comune di Arezzo. Questa sarà quindi una tappa interessante per capire come si muoveranno gli attuali consiglieri regionali di origine aretina come Vincenzo Ceccarelli e Lucia De. Robertis del Pd, Marco Casucci della Lega e soprattutto Gabriele Veneri di Fratelli d'Italia più volte dato per candidato a sindaco nel Comune di Arezzo per la coalizione di centro destra. 

Primavera 2026: le amministrative di Arezzo 

Con il risultato delle regionali acquisito si arriverà alla primavera del 2026 quando toccherà al capoluogo. L'ultima pronuncia del Viminale infatti dà una finestra di tempo ulteriore alle amministrazioni comunali che in periodo pandemico si sono rinnovate nell'ottobre del 2020. La scadenza del mandato deve rientrare nella finestra elettorale prevista dalla legge nella primavera successiva e quindi tra aprile e giugno 2026. La giunta Ghinelli durerà quindi circa sei mesi in più. Ad Arezzo, con le dovute precauzioni necessarie per tutte le variabili precedenti, i movimenti esplorativi sono già in corso, di nomi ne circolano molti: si sono fatti quello di Veneri, di Lucia Tanti, di Alberto Merelli, di Stefano Tenti, di Domenico Giani e di Paolo Peruzzi ad esempio, mentre al momento l'unico che ha dichiarato di candidarsi a sindaco di Arezzo è Marco Donati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prima la Regione, poi il Comune di Arezzo (con il mandato più lungo di 6 mesi). La cronologia delle prossime elezioni

ArezzoNotizie è in caricamento