rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
Elezioni 2022

Elezioni politiche, si rompe il fronte Pd-M5S? Zagami: "Auspico voto on line e candidature di merito"

Ad Arezzo i due partiti hanno i gruppi consiliari all'opposizione e hanno portato avanti molte attività insieme

I livelli territoriali dei partiti sono con il naso all'insù. Attendono mosse e decisioni più o meno definitive dal nazionale. E sono ore convulse. Questa mattina alle nove si apre la direzione nazionale del Partito Democratico convocata dal segretario Enrico Letta che ieri davanti ai microfoni di Rai Tre ha ribadito che la rottura con il Movimento 5 Stelle "è irreversibile".ruscelli_francesco_2019-2

Non tutti la pensano così all'interno dei Dem e la direzione di oggi servirà anche a fare chiarezza e sintesi si un panorama intricato: c'è da decidere il perimetro delle alleanze e stabilire le regole delle candidature. 

Così la segreteria provinciale del Pd che si è tenuta ieri sera (nella foto il segretario provinciale Francesco Ruscelli) è servita per un primo confronto e per avviare la macchina territoriale in attesa di capire chi ci sarà nella coalizione e come gli intricati collegi territoriali per la Camera e per il Senato saranno ricoperti da certi candidati o da altri.

Zagami: "Auspico voto on line, Giorni e Bonciani siano in cima alla lista"

francesco-zagami-2Per il Movimento 5 Stelle a parlare è Francesco Zagami che sta tenendo le fila ad Arezzo e che finora ha lavorato spesso con altri gruppi di opposizione tra cui il Pd. Ma come potrà proseguire? "Nel locale puntiamo sui temi e abbiamo fatto spesso attività insieme, (l'ultima la proposta sul parco eolico con Pd e Arezzo 2020) ma è evidente che con il nazionale c'è molta differenza di approccio, sono mondi paralleli che non si incontrano quasi mai." 

E non è ancora chiaro quanto i livelli territoriali saranno coinvolti nelle elezioni politiche nazionali. Delicata la scelta delle candidature. Per la parte uninominale è probabile che il nome venga calato dall'alto da Giuseppe Conte e dalla dirigenza del Mov. "Io auspico che almeno per il plurinominale ci sia la votazione on line, come c'è sempre stata, oppure se così non fosse auspicherei che si tenga conto dell'impegno e del valore espresso dal territorio. Per questo penso a Catia Giorni e Donella Bonciani che hanno indiscusse doti e sono delle colonne del nostro partito. Per me dovrebbero essere in cima alla lista dei candidati. Spero anche che la discussione sia aperta e veloce."

Calenda lancia il Fronte Repubblicano

Lucia Cherici 4-2Lucia Cherici portavoce del partito di Azione è impegnata full time per impostare il cammino delle elezioni politiche. Ieri sera la segreteria regionale, ma sempre con i contatti aperti con Roma dove il leader Calenda ha messo già in chiaro alcune cose, giocando d'anticipo e presentando il Fronte Repubblicano con Più Europa, Della Vedova e Richetti. Nel corso della conferenza stampa ha delineato i punti, non ha chiuso al Pd e tra le condizioni pone che il premier sia Draghi. Un punto che lo accomunerebbe a Matteo Renzi che però per il momento si dice pronto a correre da solo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni politiche, si rompe il fronte Pd-M5S? Zagami: "Auspico voto on line e candidature di merito"

ArezzoNotizie è in caricamento