Elezioni 2021 Montevarchi

La Montevarchi che verrà. I progetti della Commissione Futura

Idee e proposte per transizione ecologica, polo moda, turismo sportivo, promozione delle eccellenze del territorio, premio letterario per la città

Si è riunita in Palazzo del Podestà la Commissione Futura, l’organo consultivo fortemente voluto dal sindaco Silvia Chiassai Martini per progettare la Montevarchi del futuro. Alla Commissione ha aderito anche l’imprenditrice avicola Laura Peri, presidente dell’Accademia del Pollo.

Le parole della prima cittadina soddisfatta per l’esito dell’incontro: “Tra i temi affrontati la creazione del Polo moda, una scuola superiore specializzata nella formazione delle maestranze più ricercate nel settore, per creare opportunità formative di livello, in sinergia con le grandi aziende del territorio. A partire dal terzo anno scolastico gli studenti inizieranno a lavorare dentro le aziende pur continuando il percorso di studi, questo offrirà opportunità lavorativa certa nel territorio alle nuove generazioni e motiverà le aziende a restare in Valdarno. Il progetto è convintamente sostenuto anche dal dottor Maurizio Ciabatti di Prada che valuta indispensabile potenziare il settore della formazione. In questa ottica, il professor Pasquale Giuseppe Macrì ha proposto di promuovere la sinergia tra moda e arte con lo sviluppo di un “Art e Design District” dove giovani da tutto il mondo potranno partecipare a concorsi e fare un’importante esperienza formativa con i più grandi maestri stilisti e design, inserendosi nel tessuto montevarchino per alcuni mesi, ospitati nelle strutture ricettive della città, in attesa della realizzazione di un campus, all’interno dell’area ex Cappellificio Rossi, oggi in stato di abbandono e già attenzionata dall’amministrazione per un progetto di riqualificazione urbana.

Altro tema trattato dalla presidente dell’Accademia del Pollo, Laura Peri, è l’eccellenza alimentare del territorio e i prodotti a chilometro zero, che dovranno essere posti al centro dell'attenzione attraverso percorsi formativi ed eventi enogastronomici che possano collegarsi alla promozione del territorio.

Per quanto riguarda il mondo dello sport, saranno valorizzate tutte le discipline perché Montevarchi diventi un centro attrattivo per il turismo sportivo potendo anche contare sulla ristrutturazione degli impianti che questa amministrazione sta portando avanti. In particolare, per le attività della Federazione italiana di ginnastica al Palazzetto, per le gare regionali di atletica, le gare di motocross legate al Mondiale o a stage per i più giovani al Miravalle, per il mondo della pallavolo, oggi in serie D, e del nuoto grazie alla prossima iscrizione della società al campionato FIN. Il professor Giovanni Faccenda ha sottolineato l’importanza di potenziare anche il ciclismo, sport particolarmente diffuso nella nostra Provincia, oltre alla pista per il ciclismo a Levanella, anche l’individuazione di un luogo idoneo per realizzare un velodromo, che possa diventare una struttura di rilevanza nazionale. Il dottor Gherardo Iannelli ha posto l’attenzione sull’importanza di garantire l’accesso allo sport a tutti, dai giovani agli anziani, vista l’importanza anche per l’aspetto sociale, continuando a sostenere le famiglie più disagiate con progetti che permettano la pratica sportiva a tutti, nessuno escluso.

Il cavalier Fabrizio Bernini, ha proposto tramite i suoi referenti, di sviluppare dal punto di vista della transizione ecologica e della riconversione verde, un progetto pilota in piena sintonia con l’agenda 2030 e con il PNRR per una comunità basata sull’innovazione tecnologica e la sostenibilità ambientale. Una “comunità energetica” in grado di far nascere, a livello di condominio o di quartiere, un sistema virtuoso evoluto per la produzione energetica da fonti rinnovabili e relativo autoconsumo basato su una sinergia coi privati favorendo così il risparmio del singolo ma anche ottenendo un beneficio complessivo per l’ambiente. Ho pensato di partire quanto prima con la sperimentazione di questa comunità energetica nel centro storico per incentivare e motivare i cittadini a tornare a vivere nel cuore della nostra città. Il centro diventerà il simbolo dell’innovazione green.

Per l’ambito culturale e letterario il professor Marco Sterpos ha proposto di istituire un premio già nel 2022, realizzato dal Comune in collaborazione con l’Associazione “Il Giglio Blu” di Firenze rivolto alla categoria “seniores”, nati prima del 1 gennaio 1997 e per la categoria “giovani” per i nati dopo il 31 dicembre 1996, per far crescere nella nostra comunità la possibilità di manifestare e potenziare l’ambito letterario, soprattutto stimolando le nuove generazioni”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Montevarchi che verrà. I progetti della Commissione Futura

ArezzoNotizie è in caricamento