Tanti e Delfini: "Quarata, se la Asl nega il punto prelievi noi siamo pronti a sostenerne i costi"

"Se la sanità toscana negherà a Quarata questa opportunità, sarà nostra cura chiedere il dettaglio dei costi che sostiene in un anno per capire come mai nega poche migliaia di euro proprio a noi a fronte di tante risorse"

"La Asl ha comunicato che non garantirà più il servizio del "punto prelievi" a Quarata. Lo ha comunicato con due righe stringate e nessuno si è degnato di rispondere alla lettera nella quale il Comune chiedeva di ripristinare un servizio importante".  A portare alla ribalta la paradossale situazione, contro la quale i residenti di Quarata stanno portando avanti una petizione, sono l'assessore Lucia Tanti e Mattia Delfini. 

"A parte il fatto che prima di togliere un servizio sanitario ad una comunità sarebbe buona creanza informare l'assessore competente ed il sindaco anche al fine di trovare una possibile soluzione insieme, resta fermo che il sindaco Ghinelli ed io ribadiamo la volontà di ottenere una risposta di merito dalla Asl, ma soprattutto la decisione di farsi carico noi dei costi del servizio. Va detto che se la sanità toscana negherà a Quarata questa opportunità, sarà nostra cura chiedere il dettaglio dei costi che sostiene in un anno per capire come mai nega poche migliaia di euro proprio a noi a fronte di tante risorse qualche volta anche decisamente discutibili. Se quindi la Regione Toscana, perché la Asl risponde alla Regione, "taglia" ingiustamente risorse per i territori, ci penseremo noi a fare ciò che dovrebbe fare la sanità toscana, ma che non fa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

  • Toscana "in arancione" da domenica 6 dicembre. Giani: "Abbiamo dati da zona gialla ma restiamo accorti"

  • Coronavirus: 658 nuovi casi e 32 decessi. I dati di oggi della Regione Toscana

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento