Tartaro: "Sanità di primo livello per il Valdarno e sostenibilità i miei obiettivi"

Gli obiettivi del candidato consigliere per la Regione Toscana per il PD

"Assicurare una sanità di primo livello al Valdarno e accompagnare la mia terra nella sfida della Sostenibilità". Sono gli obiettivi di Simone Tartaro, candidato consigliere per la Regione Toscana per il Partito Democratico.

Ecco il suo comunicato

Queste sono le mie priorità e l'impegno che intendo mettere a disposizione dei miei concittadini del Valdarno nel prossimo Consiglio regionale. Due sono le priorità che saranno alla base del mio impegno nel prossimo Consiglio regionale, se i miei concittadini del Valdarno mi rinnoveranno la loro fiducia alle elezioni regionali di domenica e lunedì prossimi. Da una parte pongo la sanità e la necessità di assicurare al Valdarno quella che considero 'una sanità di primo livello'. Nel periodo in cui ho fatto parte del Consiglio regionale, anche grazie a chi mi ha preceduto, siamo riusciti a portare a casa la qualifica di primo livello per l'ospedale del Valdarno,un obiettivo impensabile fino a poco tempo fa, ora è però necessario continuare ad impegnarsi e gettare i presupposti perché questa struttura possa marciare di pari passo con l'ospedale di Arezzo e in rete con gli altri ospedali, a cominciare dall'ospedale Serristori di Figline. Servono infatti obiettivi chiari della politica regionale con investimenti continuativi, una direzione stabile, strumentazioni, professionalità e dotazioni di organico adeguate destinate all'ospedale del Valdarno. Insomma una visione tale, per cui l'ospedale dei Valdarnesi sia inserito con i fatti nel gruppo degli ospedale più importanti della nostra regione. Assieme a questo, anche la sanità territoriale deve trovare nuove risorse per le strutture di cure intermedie, sempre più necessarie, come abbiamo visto anche nell'emergenza, e garantire la propria funzionalità ripensando ed ampliando le cure domiciliari, anche per alleggerire il ruolo degli ospedali. Infine, il delicato, ma preminente tema delle liste di attesa: l'incremento degli orari e delle strumentazioni è certamente una soluzione, ma ritengo importante proporre anche una più ampia distribuzione territoriale, almeno di visite e prestazioni specialistiche di base, sfruttando i distretti territoriali. Dall'altra parte la parola d'ordine che ripeto con insistenza da settimane è Sostenibilità. Ecco, per me la vera sfida del futuro prossimo per il nostro territorio è proprio questa e i prossimi cinque anni saranno decisivi in questo senso, anche per i milioni di euro che arriveranno in Toscana con l'ormai famoso Recovery Fund. Un'occasione unica e penso irripetibile che deve essere sfruttata con scelte importanti che hanno bisogno di competenze, preparazione e amore per il proprio territorio: tutte caratteristiche che certamente fanno parte del mio bagaglio professionale, da un lato, e culturale e di vita, dall'altro. Vorrei accompagnare il Valdarno in questa trasformazione, che è inevitabile, ma che se ben interpretata può assicurare benessere e un miglioramento dello stile di vita per tutti. Penso alla sostenibilità ambientale ed energetica con l'utilizzo di energie da fonti rinnovabili, il perfezionamento del riciclo dei rifiuti e con soprattutto un grande piano regionale per l'efficientamento energetico dell'edilizia privata e pubblica. Ma penso anche alla sostenibilità economica, con lo sfruttamento delle potenzialità dell'economia circolare, per la quale il Valdarno con le sue caratteristiche imprenditoriali ha una sorta di predisposizione naturale e che è in grado di portare anche molto lavoro e molte nuove opportunità. Infine, penso alla sostenibilità ambientale e alla qualità della vita dei miei concittadini. In questo senso il tema della mobilità sostenibile deve essere il principale: completamento dell'integrazione ferro-gomma, sviluppo della rete Miv, Mobilità Integrata Valdarno, e ampliamento della rete di piste ciclabili, con il fondamentale collegamento ciclabile tra paesi e tra riva destra e sinistra dell'Arno. Su questi due argomenti mi concentrerò nei prossimi cinque anni, con le competenze specifiche che ho maturato e con l'impegno e l'attaccamento per la mia terra e i suoi abitanti che mi contraddistinguono".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento