Rossi e Mattesini: "Ghinelli e Tanti dicono bugie su scuola e sociale, rischio privatizzazione con nuova fondazione"

Un altro esempio portato da Rossi e Mattesini riguarda le famiglie più fragili ad esempio quelle con disabili

Donella Mattesini e Gabriele Rossi candidati nella lista del Pd per le amministrative di Arezzo prendono posizione su scuola e sociale puntando il dito sulle mancanze dell'amministrazione Ghinelli.

"Il sindaco Ghinelli e l'assessore Tanti ci dicono che da quando governano loro la spesa per il sociale è aumentata  in modo sostanziale. Delle due l'una:  o non è vero o dobbiamo dire che quei soldi sono stati spesi parecchio male., visto che le famiglie aretine non hanno più erogati molti servizi e sono lasciate sole.

Gabriele Rossi-2Sulla questione dei servizi pre e post  scuola, è tutto chiaro: siamo solo al sondaggio delle richieste e siamo già ad ottobre. Dal sondaggio all'attivazione passeranno altre settimane. E nel frattempo le famiglie si sono dovute rivolgere a servizi privati. Altri Comuni anche sulla base di  delibera regionale li hanno già attivati da settembre. Chi vuole può. Chi non vuole come Tanti e Ghinelli si nascondono dietro le bugie."

Un altro esempio portato da Rossi e Mattesini riguarda le famiglie più fragili ad esempio quelle con disabili.

"Ebbene mentre gli altri Comuni della zona aretina hanno già riattivato i servizi,  ad Arezzo le famiglie stanno facendo i conti con: l'ADE cioè il Servizio di Assistenza Domiciliare  Educativa in favore di minori con disabilità, dal post Covid non è mai ripartito in presenza  ma solo a distanza (che non è esattamente la stessa cosa) mentre tutti i Comuni limitrofi sono ripartiti a giugno; l'inserimento socio-terapeutico per persone con disabilità o situazione di disagio sospesi per Covid, non sono ancora ripartiti ed il Comune non ha ancora stilato alcun protocollo o linea guida lasciando alla discrezionalità di ogni singolo assistente sociale la decisione."

"Questi esempi possono bastare a rendere evidente che per Ghinelli e Tanti il disagio delle famiglie, i diritti delle persone con disabilità non sono certo al centro delle proprie politiche. Anche questo spiega la annunciata volontà di privatizzare servizi educativi e politiche sociali, privatizzazione che avverrebbe nel caso di vittoria, con la sciagurata scelta di attivare Fondazioni ad essi dedicate."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento