Sanità, Donati: "Se sarò sindaco, organizzerò un ufficio all’interno dell’ospedale San Donato"

Il candidato a sindaco di "Scelgo Arezzo" e "Con Arezzo" ha incontrato medici, operatori sanitari e cittadini

Ieri sera, nello spazio all’aperto dell’Arena Eden, il candidato alla carica di sindaco Marco Donati ha incontrato medici, operatori sanitari e cittadini confrontandosi su un tema prioritario: salute e sanità pubblica. 

“E’ un tema che mi ha spinto a candidarmi sindaco – ha esordito Donati - la sanità aretina deve essere tutelata. Questo deve fare il sindaco: esserne garante.”

Tra i punti toccati durante l’incontro dal candidato sindaco la carenza di organico all’ospedale San Donato, la necessità da parte di operatori e professionisti, un’eccellenza del territorio aretino, e dei cittadini di essere ascoltati e supportati per avere risposte più efficaci. Il San Donato ha inoltre problemi strutturali, dovuti alla senescenza.

“Nella Toscana del Sud dobbiamo rialzare la voce: vanno sfruttate tutte le risorse destinate alla sanità aretina. I soldi che la Regione impegna per la sanità aretina devono essere gestiti ad Arezzo e da Arezzo. La sanità privata deve essere sussidiaria alla sanità pubblica, non il contrario. Bisogna ricostruire una capacità di risposta diversa, partendo anche dall’innovazione” - ha ribadito il candidato sindaco Marco Donati. 

Tenendo conto delle istanze e delle problematiche rappresentate nel tempo dal personale sanitario e dai cittadini, Marco Donati ha illustrato il suo progetto, condiviso con le liste Scelgo Arezzo e Con Arezzo, per rilanciare e sostenere la sanità pubblica aretina. 

“Intendo portare il Comune dentro all’ospedale. Se sarò sindaco, organizzerò un ufficio all’interno dell’ospedale San Donato in cui l’assessore alla sanità, puntualmente, ascolterà gli operatori. Un servizio di supporto diretto alla città che però non deve esimere la Regione Toscana dalla responsabilità della gestione della sanità pubblica. Ci sono molti giovani medici che devono avere opportunità, ci tengo a rapportarmi con loro: sono il futuro della nostra sanità. Inoltre, deciderò insieme al Coordinamento delle professioni specialistiche chi ricoprirà l’incarico di assessore alla sanità. In questo momento di ascolto ho accolto con favore le proposte e i suggerimenti che mi sono stati dati da chi vive in prima persona la sanità, sia da professionista che da cittadino. Nei prossimi incontri l’impegno sarà quello di affrontare le tematiche legate all’assistenza territoriale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti fra comuni, scuole, circoli ed estetiste. Cosa si può fare nella Toscana arancione

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

  • Toscana "in arancione" da domenica 6 dicembre. Giani: "Abbiamo dati da zona gialla ma restiamo accorti"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento