menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Francesco Ruscelli, coordinatore provinciale del Pd

Francesco Ruscelli, coordinatore provinciale del Pd

Il Pd: "Ghinelli? Ha fatto regredire Arezzo". Regionali: si punta su Ceccarelli, De Robertis, Tartaro

La direzione provinciale guidata dal segretario Francesco Ruscelli ha approvato un documento unitario che traccia la linea del partito in vista delle prossime elezioni

La direzione provinciale del Partito Democratico di Arezzo ha approvato un documento, unitario, attraverso cui traccia la road map in vista del doppio, cruciale, appuntamento elettorale di settembre: regionali toscane e comunali di Arezzo. La federazione dem, guidata da Francesco Ruscelli, analizza lo scenario post lockdown della provincia, le linee di intervento e poi dà indicazioni pratiche su come affrontare le tornate elettorali. In particolare sulle regionali: si chiede la conferma degli amministratori uscenti espressione della provincia: Vincenzo Ceccarelli, Lucia De Robertis e Simone Tartaro. Oltre a questi, se accetteranno, occorrerano altri 5 candidati aretini da mettere in lista.

Come affrontare la crisi

"La questione - spiega in apertura il documento - è capire dopo il covid-19 e la crisi che ne seguirà quale modello di società ed economia usciranno. Consapevoli che da questa situazione se ne viene fuori o con più autoritarismo o con più giustizia sociale.

E quindi le priorità:

 Le priorità su cui puntare sono: lavoro, semplificazione dell’apparato pubblico, digitalizzazione, ricerca e lotta alle diseguaglianze.

Tra le premesse, c'è la presa di coscienza che "la crisi pandemica ci ha fatto capire che non può esistere economia senza rispetto per l’ambiente, che la cultura deve far parte, a buon diritto, di ogni strategia di sviluppo, che la battaglia per l’equità e contro la povertà non può essere separata dalla crescita, che c’è bisogno di nuova socialità, di un nuovo umanesimo e non solo di beni di consumo". Significativo, inoltre, un passaggio sulla sanità: "L’epidemia ha infatti svelato le fragilità del nostro Paese. Aver indebolito il sistema pubblico, aver tagliato sulla sanità, aver incentivato la precarietà del lavoro. Tutto questo ha finito per amplificare gli effetti della pandemia".

Verso le regionali

Per quanto riguarda le elezioni regionali il Pd esplicita la richiesta della ricandidatura degli amministratori uscenti (l'assessore alle Infrastrutture e Trasporti Ceccarelli, la vicepresidente del Consiglio Lucia De Robertis, il consigliere Simone Tartaro) lodando il loro operato.

"In particolare consideriamo di grande importanza l’impegno profuso nella giunta regionale dall’assessore Vincenzo Ceccarelli che ha consentito di raggiungere risultati importanti per il governo del territorio toscano e per il sistema della mobilità e delle infrastrutture regionali, con ricadute positive nella nostra provincia, grazie a un continuo confronto con i livelli del governo locale e al costante supporto nei confronti delle amministrazioni. Un giudizio egualmente positivo va anche all’attività politico istituzionale portata avanti nel Consiglio Regionale dalla vicepresidente del Consiglio Regionale Lucia De Robertis che ha svolto un lavoro di stretto collegamenti con le amministrazioni locali e dagli altri consiglieri regionali (Valentina Vadi fino a giugno 2019 prima di diventare sindaca del comune di San Giovanni Valdarno e poi da Simone Tartaro sino ad oggi)".

Le comunali di Arezzo

Il Pd si concentra inoltre sull'importante appuntamento delle comunali di Arezzo, visto che "dopo le elezioni amministrative 2019, il centro sinistra governa un solo comune sopra 15.000 abitanti nel territorio provinciale". E attacca il centrodestra: "Ghinelli ha mal governato abbassando tutti i dati di sviluppo socio-economico-culturali così come dimostrano tutte le indagini sulla qualità della vita in città inoltre dopo le vicende giudiziarie del 2005/2006 il centro destra aretino è nuovamente nel centro di una bufera giudiziaria che coinvolge oltre al sindaco, assessori, consiglieri comunali e presidenti di società nominati". Per cercare di riconquistare il Comune, il Pd, come noto, punta su Luciano Ralli, già appoggiato dal centrosinistra e da liste civiche. Con la precisazione che "questa alleanza rimane aperta ad altre forze che vorranno condividere il medesimo progetto alternativo di città".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Documenti

E' ufficiale: la Toscana resta in zona gialla

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cucina

    I fiocchi di Carnevale

  • Attualità

    100 candeline per nonna Rosa

  • Psicodialogando

    L’uomo è davvero più interessato al sesso della donna?

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento