Fredy, Mattoni (Lega): "Nonostante la legge sulla legittima difesa, cittadini rischiano il processo"

Il candidato regionale della Lega commenta la notizia della proroga delle indagini per il caso di Fredy Pacini, il gommista di Monte San Savino che nel novembre del 2018 uccise a colpi di pistola un ladro che era entrato nella sua officina

"Dopo la modifica della norma sulla legittima difesa voluta da Salvini, ci troviamo ancora di fronte a privati cittadini aggrediti dai ladri che sono costretti ad andare sotto processo solo per essersi difesi in casa loro o nella loro attività". Così Nicola Mattoni, candidato regionale della Lega commenta la notizia della proroga delle indagini per il caso di Fredy Pacini, il gommista di Monte San Savino che nel novembre del 2018 uccise a colpi di pistola un ladro che era entrato nella sua officina.

"Noi della Lega siamo e resteremo dalla parte dei cittadini e non dei ladri. Auguro a Fredy una vicenda processuale rapida e giusta, affinché questa vicenda possa concludersi in modo da potergli fare riacquistare la tranquillità perduta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus, calo dei casi in Toscana: oggi 962 positivi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento