Ghinelli replica a Renzi: "Scusarmi con i Boschi? Neanche per sogno"

Il sindaco replica al leader di Italia Viva ripercorrendo alcune tappe della vicenda legata a Banca Etruria e non solo

"Se proprio vogliamo parlare di dignità trovo piuttosto surreale che questa parola venga usata da chi giurò, davanti a tutti gli italiani, che se avesse perso il referendum si sarebbe ritirato dalla scena politica e oggi ancora, seppur rappresentante di una realtà politica quasi trascurabile, si aggira per le città della Toscana contando sulla smemoratezza di alcuni".

Renzi: "Scacciamo il sovranismo. Banca Etruria? Il sindaco dovrebbe scusarsi con la famiglia Boschi"

Alessandro Ghinelli non usa giri di parole per rispondere a Matteo Renzi. Il leader di Italia Viva, questa mattina ad Arezzo per un tour elettorale, aveva detto che il 'sindaco avrebbe dovuto scusarsi con i Boschi' per la vicenda legata a Banca Etruria.

"Ai “bugiardi seriali” l’Italia è avvezza da tempo, ma il tema che il senatore Renzi ha toccato in questa città è troppo delicato per doverlo archiviare in una battuta perché ancora quella ferita, di cui lui è responsabile politico, è apertissima e dolorante per tutti gli aretini - spiega Ghinelli - Avrebbe dovuto avere il buon senso e finanche il buon gusto di fermarsi in Valdarno. Ma visto che è venuto ad Arezzo e ha ritenuto di parlare addirittura di Banca Etruria, da sindaco non posso che dare il benvenuto al senatore Renzi nella città di Arezzo. A dir la verità lo avrei accolto più volentieri quando da presidente del Consiglio ha affossato la banca del territorio, un trattamento riservato solo a questa città visto che su altre banche si sono avuti ben altri impegni e ben altri risultati. Di venire ad Arezzo in quegli anni gli mancò il coraggio e umanamente lo capisco perché in parole povere Banca Etruria è sopravvissuta a due guerre mondiali, ma non al suo governo". 

Ghinelli poi va avanti.

"Quanto alla vicenda giudiziaria della famiglia Boschi, è verissimo che pochi giorni fa il padre ha avuto l'archiviazione in uno dei vari filoni di indagine, e da garantista non a fasi alterne sono contento per lui. E’ pur vero che restano invece in piedi altre accuse che dovrà verificare la magistratura e sulle quali non intendo intervenire e non ho mai inteso intervenire. Io invece intesi e intendo intervenire oggi su questioni non giudiziarie, ma politiche. Renzi ha politicamente assassinato Banca Etruria, Banca d'Italia multò Pierluigi Boschi per la mala gestione di Banca Etruria, quindi a prescindere dagli eventuali reati è assodato che è stato un “cattivo” gestore degli interessi legittimi degli aretini. Altrettanto assodato è l'atteggiamento politico eccessivamente entrante, e incomprensibilmente da protagonista, dell’allora ministro delle Pari Opportunità e Riforme, proprio Maria Elena Boschi, che senza alcuna delega finanziaria si era occupata forsennatamente di Banca Etruria incontrando esponenti di Banca d'Italia, Consob e UniCredit. Chiedere scusa? Neanche per sogno. Si scusi lei, Arezzo se l’aspetta e pure se lo merita".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

  • Covid e Natale: attesa per il nuovo Dpcm. Cenoni, aperture e spostamenti al vaglio del governo

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento