Fratelli d'Italia: “Vergognoso che a pochi giorni dall'elezione Giani faccia campagna elettorale per Ralli”

Il commento del partito di Giorgia Meloni sulla visita odierna del presidente della Regione Eugenio Giani

Il neo eletto presidente della Toscana Eugenio Giani è stato questa mattina ad Arezzo, per la seconda volta in pochi giorni. Fratelli d'Italia ritiene "vergognoso questo comportamento".

"Giani dimentica di rappresentare adesso una istituzione, che non dovrebbe tentare di interferire con la campagna elettorale in corso ad Arezzo per il ballottaggio. Avevamo già sottolineato come Ralli sia evidentemente un candidato debole e necessiti di avere ogni giorno qualche personaggio a supportare la sua candidatura, ma è davvero fuori luogo che sia il presidente della intera regione a venire ancora in suo aiuto. Un atteggiamento istituzionalmente disgustoso, a maggior ragione per il brevissimo tempo passato dalla sua elezione.

Oltre che nei modi, la seconda visita del presidente della Toscana in pochi giorni è anche un paradosso. Giani è stato con Ralli a Saione, dopo aver presenziato all’inaugurazione di un treno Lfi già presentato alla stampa un mese fa. Solo un pretesto quindi. Il vero appuntamento della giornata di Giani era a Saione, per fare campagna elettorale insieme a Ralli. Ha incontrato cittadini e negozianti, chiedendo quali fossero i problemi e le possibili soluzioni e presentando Ralli come l’uomo che risolverà i problemi del quartiere. Fratelli d'Italia ritiene che abbia quindi almeno avuto modo di vedere ed ascoltare di persona i disastri provocati anche nella nostra città dalle politiche sull'immigrazione portate avanti dal governo di cui fa parte il partito che Ralli e Giani rappresentano e che li sostiene.

Fratelli d'Italia chiede tra l'altro quali fondi e mezzi siano stati utilizzati per queste due trasferte in pochi giorni in terra aretina di Eugenio Giani. Chiediamo di sapere se sia arrivato in città con un'auto ufficiale della Regione Toscana o con un mezzo proprio o del partito che rappresenta, visto l'evidente fine propagandistico a supporto del candidato del partito democratico, e non di interesse regionale. È legittimo spendere i soldi pubblici per la campagna elettorale di Ralli? Perché, è bene ricordarlo, Giani dovrebbe adesso occuparsi di tutta la Toscana, non solo di Arezzo e solo a fine elettorale, in previsione del voto di ballottaggio del prossimo fine settimana. Perché non si occupa di Arezzo? La sinistra come al solito esprime un’idea proprietaria della cosa pubblica. I toscani sono serviti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento