FdI. Lucacci: “Strumentalizzazioni su scuola e sanità. Ralli attacca Ghinelli senza dare risposte”

"A pochi giorni dal voto, Fratelli d’Italia ritiene che siano necessarie delle prese di posizione definite e delle proposte concrete che vadano incontro ai cittadini e alle loro necessità"

Francesco Lucacci, presidente provinciale FdI

"Sterili ed inutili attacchi frontali, diretti alla persona, senza alcuna risposta o soluzione, solo per tentare di scalfire l’immagine di Alessandro Ghinelli e del centrodestra". Sono queste le parole del presidente provinciale aretino di Fratelli d'Italia, Francesco Lucacci che replica alle recenti esternazioni di Luciano Ralli, candidato del centrosinistra nella corsa alla poltrona di sindaco per il Comune di Arezzo.

"Fratelli d’Italia ritiene ridicolo l’attacco delle ultime ore sull’argomento scuola. Il ballottaggio farà chiudere ancora le scuole che sono sedi di seggio, ma la responsabilità è del governo PD e M5S che ha fissato al 20/21 settembre le date del primo turno, invece che a fine luglio o fine agosto: Ralli si lamenti con i suoi ministri e si assuma la responsabilità politica di questa sciocchezza. La responsabilità non può essere certo scaricata sui sindaci, viste le difficoltà tecniche per una città come Arezzo a reperire sedi alternative per i seggi. Il Sig. Ralli evidentemente non conosce nemmeno la procedura per farlo, figuriamoci fare il sindaco.

Quella di Ralli è solo una puerile tattica politica. Lo dimostra la totale assenza di risposte chiare sull’argomento sanità. Da medico qual’è, Ralli dovrebbe prendere finalmente una posizione che non lasci adito a dubbi sulle sue intenzioni. Il PD di cui fa parte negli ultimi anni si è distinto per una progressiva ed inarrestabile distruzione della sanità pubblica. Scelte che non abbiamo mai condiviso e che hanno una ricaduta negativa importante sul diritto alla salute e sulla vita di tutti i giorni dei cittadini. Molto sospetto è il sostegno avuto da Ralli da una lista di medici, che appare inopportuna, che fa intravedere strane manovre tra sanità pubblica e privata.

Sull'immigrazione poi mai in campagna elettorale Ralli ha proferito parola. Intende o meno il Dott. Ralli impedire che ad Arezzo vengano inviati altri pseudo rifugiati, veri clandestini, e incalzare il prefetto a che l'ordine pubblico sia mantenuto? Fratelli d'Italia ritiene che Ralli favorirà le associazioni e cooperative di sinistra che fanno business con l'accoglienza nella nostra città.

La cosa peggiore però è vedere come venga gestita questa fase finale della campagna elettorale dal centrosinistra. Ralli ha sempre bisogno di avere accanto qualcuno, che gli dia forza. Pare che il centrosinistra senta il bisogno di far vivere Ralli nell’ombra dei tanti personaggi che gli ha accostato in queste ultime settimane, lasciando a loro il compito di condurre il dibattito politico senza mai farlo esporre personalmente: forse Ralli è incapace di farlo.

A pochi giorni dal voto, Fratelli d’Italia ritiene che siano necessarie delle prese di posizione definite e delle proposte concrete che vadano incontro ai cittadini e alle loro necessità. Ralli sa solo offendere il centro destra cercando di nascondere il vuoto assoluto che rappresenta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

  • Covid e Natale: attesa per il nuovo Dpcm. Cenoni, aperture e spostamenti al vaglio del governo

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento