Trasporti e infrastrutture, David Marri: “La Toscana è rimasta indietro, dobbiamo svoltare”

"Avremo un’importante capacità di spesa, grazie al “Recovery fund”, che è da cogliere, anche per la Toscana, come un’opportunità per sostenere famiglie e imprese. Ma attenzione: non possiamo pensare ad interventi a pioggia, devono essere mirati e ben ponderati"

Abbiamo di fronte una tornata elettorale di fondamentale importanza: per la Regione Toscana c’è l’occasione di una svolta storica, anche, perché no, nel nome di un’auspicabile alternanza”. Lo dichiara David Marri, candidato alla Regione Toscana con Fratelli d’Italia. 

“Avremo un’importante capacità di spesa, grazie al “Recovery fund”, che è da cogliere, anche per la Toscana, come un’opportunità per sostenere famiglie e imprese. Ma attenzione: non possiamo pensare ad interventi a pioggia, ma devono essere mirati e ben ponderati, soprattutto per il nostro territorio, che ha bisogno come il pane di investimenti su infrastrutture e viabilità. La tanto sbandierata efficienza in questo settore, nasconde in realtà un’atavica incapacità di “fare”. Troppe le grandi opere infrastrutturali incompiute: senza andare troppo lontano, pensiamo allo snodo di Olmo, ma avremmo bisogno anche della metropolitana di superficie da Stia ad Arezzo, al collegamento da Arezzo a Sansepolcro, o il rispristino della strada ferrata dalla Valtiberina verso l’Umbria. Per non dire della manutenzione: strade, ponti e cavalcavia, in particolare quelli lungo la E 45, hanno necessità di controlli urgenti e di essere rimessi a nuovo. Far partire subito progetti e cantieri significa dare lavoro subito e pensare al futuro. C’è la possibilità di effettuare interventi importanti, è vero, ma occorrono amministratori capaci di nuova e forte progettualità a breve e medio termine per far ripartire la nostra economia e lo sviluppo della nostra Regione. Vogliamo una Toscana più forte, dove Arezzo e la sua Provincia occupano il posto che meritano”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

  • Covid e Natale: attesa per il nuovo Dpcm. Cenoni, aperture e spostamenti al vaglio del governo

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento