Elezioni. "Il lavoro prima di tutto", Cgil e Ralli condividono l'obiettivo

Incontro con la vice segretaria nazionale della Cgil, Gianna Fracassi

È al primo posto della strategia della Cgil. Ed è al primo anche del programma di Luciano Ralli. Confronto in Cgil, organizzato dalla Lista Ralli con il candidato a Sindaco e Gianna Fracassi, vice Segretaria nazionale della confederazione. Con loro il Segretario provinciale Alessandro Mugnai e Pamela Masini, candidata della Lista Ralli

"Arezzo ha gravi problemi occupazionali - ha ricordato Gianna Fracassi - Serve un progetto per la città  che guardi al lavoro. Occorre la partecipazione delle persone ed è necessario fare programmazione. Il treno delle  opportunità che viene dall'Europa o lo si prende adesso o lo si perde. Un progetto che guardi alla realtà locale e all'Europa non può che partire  dal lavoro. Avremo un periodo molto complicato per il paese e lo potremo affrontare solo se faremo le scelte della partecipazione e della programmazione. E queste scelte non possono essere fatte con un uomo solo al comando  o con proclami su FB. La Cgil è autonoma ma non indifferente ai destini del Paese, della Regione Toscana e di Arezzo".

Ralli ha confermato come i temi condivisi con la Cgil (lavoro, salute, sicurezza sociale, ambiente) siano quelli prioritari per tutta la coalizione di centro sinistra. "Su questi temi siamo ad un bivio e gli elettori devono scegliere tra domenica e lunedi. Centro sinistra da una parte e destra dall'altra: mai come in queste elezioni, sia in Regione che ad Arezzo, le differenze sono chiare e nette. E' importante che tutti vadano a votare perché si decide il destino di tutti sui problemi fondamentali di ognuno, a cominciare da salute e lavoro. E la scelta è tra il candidato del centro sinistra e Ghinelli ad Arezzo, tra Giani e Ceccardi in Regione"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento