Mattesini e i mancati contributi a fondo perduto: "Non è considerata meta turistica meritevole di sostegno"

Il contributo, 500 milioni di euro distribuiti tra 29 realtà turistiche, è concesso a condizione che il fatturato e i corrispettivi di giugno 2020 degli esercizi interessati abbia subìto una riduzione di oltre il 33% rispetto al mese di giugno del 2019 a causa del crollo delle presenze turistiche

Alessio Mattesini, Forza Italia

"Nel corso degli ultimi 5 anni l’amministrazione comunale di Arezzo e la Fondazione Arezzo In Tour, hanno fatto crescere il turismo a livelli che in precedenza non erano nemmeno concepibili. Arezzo è stato il Comune capoluogo che è cresciuto di più, in Toscana, negli arrivi turistici: ha registrato un + 81,1 per cento, a fronte di una crescita del 27,2 per cento di Siena, del 21,4 per cento di Pisa e del 14,9 per cento di Firenze".  Parte dai dati Alessio Mattesini, esponente di Forza Italia e capolista alle regionali per Arezzo, per illustrare una situazione che rappresenta come paradossale: quella di una città che ha ottenuto importanti risultati sul fornte del turismo ma che non ha ricevuto il contributo a fondo perduto per le attività del centro storico. 

"L’articolo 59 del decreto legge n.104 del 2020 riconosce un contributo a fondo perduto a favore delle attività imprenditoriali di vendita di beni o servizi al pubblico nei centri storici  dei comuni capoluogo di provincia o di città metropolitana.
La misura è limitata a quelle realtà che hanno registrato, prima dell’emergenza sanitaria, presenze di turisti stranieri in numero almeno tre volte superiore a quello dei residenti per quanto riguarda i capoluoghi di provincia, e per i comuni capoluogo di città metropolitana in numero pari o superiore a quello dei residenti.
Il contributo, 500 milioni di euro distribuiti tra 29 realtà turistiche, è concesso a condizione che il fatturato e i corrispettivi di giugno 2020 degli esercizi interessati abbia subìto una riduzione di oltre il 33% rispetto al mese di giugno del 2019 a causa del crollo delle presenze turistiche.
Arezzo purtroppo non beneficerà del contributo a fondo perduto sopra descritto. Ancora una volta Arezzo non è stata considerata tra le mete turistiche meritevoli di sostegno della Toscana, diversamente da Firenze, Siena e Pisa. Chi governa la Regione considera poco o niente Arezzo era la sua provincia. Pertanto credo che sia arrivato il momento di cambiare musica e di dare un nuovo governo alla Toscana".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

  • Covid e Natale: attesa per il nuovo Dpcm. Cenoni, aperture e spostamenti al vaglio del governo

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento