La centralità delle donne nella comunità aretina: 14 punti del patto di Ralli

E' stato sottoscritto dal candidato sindaco Luciano Ralli e le donne democratiche: in 14 punti gli impegni su bambini, anziani, disabili, famiglia, accesso ai servizi comunali

Non solo un impegno generico ma la firma di un vero e proprio patto. Lo ha sottoscritto ieri sera Luciano Ralli con le donne democratiche e con quelle delle liste dell’Alleanza che sostiene la candidatura a sindaco di Ralli: Pd, Arezzo2020; CuriAmo Arezzo, Arezzocista! e Lista Ralli. All’iniziativa che si è svolta ieri all’Arena Eden, ha partecipato Livia Turco, presidente della Fondazione Nilde Jotti.

L'iniziativa è stata introdotta da Sandra Nocciolini a nome della Conferenza delle Donne Democratiche e sono quindi intervenute le rappresentanti delle liste che sostengono Luciano Ralli: Donella Mattesini (Pd), Bruna Cantaluppi (Lista Ralli), Liletta Fornasari (CuriAmo Arezzo), Ilaria Mori (Arezzocista!), Gabriella Cecchi (Arezzo 2020).  All'iniziativa, condotta da Chiara Calcagno, è intervenuta Livia Turco: "questa iniziativa è una vera e propria onda d'urto e la proporrò come esempio per l'Italia".

I 14 punti del patto

14 sono i punti del programma che Luciano Ralli si è impegnato a realizzare. Ci sono attività nuove: lo  Sportello unico di accesso ai servizi, non un luogo burocratico ma amico che aiuti soprattutto le persone che hanno le maggiore difficoltà con la pubblica amministrazione; l’Albo dei badanti che consenta alle famiglie poter scegliere personale qualificato e formale senza dover ricorrere al passaparola e a personale di cui non  si conosce storia, professionalità, competenze; lo sviluppo della medicina di genere in collaborazione con la Asl.

Luoghi da riaprire e rilanciare

Ci sono poi attività, servizi e luoghi da riaprire o rilanciare o sostenere di più: lo Spazio Famiglia,  quale servizio fondamentale per l'accoglienza e la presa in carico delle situazioni familiari di disagio con l’apertura di uno Sportello di consulenza pedagogica gratuita; il  Centro antiviolenza con il quale concordare progetti e servizi e per il reperimento di risorse e i cui servizi dovranno   diventare stabili,  contando su  risorse economiche,  strumenti e  personale   dedicato, dando risposte alle tante e diverse necessità di chi è vittima di violenza di genere;  la Casa delle Culture che il centrodestra ha cancellato per ricostruire un luogo di incontro, di socializzazione di servizio che ha generato integrazione tra le tante comunità etniche presenti in città, ma anche creato relazioni con tutta la comunità nel suo insieme.

Anziani e diversamente abili

Un altro capitolo del patto sottoscritto stamani tra le donne democratiche e Luciano Ralli è quello dedicato agli anziani e ai disabili, la cui cura è spesso affidata alle donne senza che abbiano adeguati sostegni. Ecco quindi il sostegno concreto e continuativo a chi si occupa di una persona anziana. Il Caregiver non ha ancora tutti i sostegni di cui ha bisogno. E li deve  avere perché rappresenta un elemento chiave, in perenne sofferenza e sotto stress, del sistema sociale. Potrebbe avere un sostegno economico attraverso i voucher anche per sostituzione temporanea: per un tempo libero di sollievo (svolgimento delle attività di relazioni esterne con medico, ecc., od anche solo prendersi tempo per sè stessi); supporto assistenziale in caso di emergenza (ricovero urgente del caregiver). E’ quindi necessario un accordo tra Comune e privato sociale per sostenere  gli anziani al limite della autosufficienza e che hanno difficoltà ad uscire per fare la spesa, comprare le medicine o cucinare. Centrale è anche  "il durante noi" parte essenziale per il  "dopo di noi". Altrettanto importante sarà il "Progetto di Vita" come previsto dalla Regione Toscana, che è un diritto della persona con disabilità e della sua famiglia o dell'Amministratore di sostegno.

I più piccoli

Dagli anziani ai bambini: un "Patto per  i diritti dei bambini e degli adolescenti", indispensabile in un momento segnato da eventi recessivi e da un Paese a demografia debole. Il Patto firmato stamani prevede anche l’organizzazione di attività per sia per i bambini della scuola dell’infanzia prima e dopo il normale orario di apertura sia per gli alunni di elementari e medie. E’ necessaria una nuova organizzazione del tempo scuola, gestita e coordinata dal Comune, con la possibilità di apertura più ampia sia mattutina che pomeridiana delle scuole in totale sicurezza.

La rete dei servizi

Infine gli altri punti: una vera rete tra i servizi sanitari e sociali: fine, quindi, del girovagare di una cittadino da un ufficio, da un servizio all’altro, dall’ospedale al territorio. La rete dovrà consentire una vita più semplice alle persone che hanno bisogno, contemporaneamente o comunque in continuità, di servizi sanitari e sociali; una rete tra questi servizi e il volontariato, perno insostituibile del sistema che deve essere messo nelle condizioni non solo di svolgere la sua missione ma anche di essere protagonista delle scelte generali, in modo particolare di quelle del Comune; il Piano  regolatore dei tempi e degli orari per il quale al Comune la legge n. 53 del 2000 assegna questa competenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento