Donati: "Un Fondo economico speciale per famiglie in estremo disagio e bambini con gravi malattie"

La proposta di Marco Donati, condivisa con le liste civiche che lo sostengono Scelgo Arezzo e Con Arezzo: "E poi investimento negli alloggi a canone calmierato e nel social housing"

Marco Donati

“Equità, centralità della persona e senso di comunità sono i concetti chiave del nostro impegno per la città di Arezzo” – esordisce in una nota il candidato sindaco Marco Donati, elencando gli obiettivi principali del suo programma elettorale in merito ai temi del welfare locale.

"Gli obiettivi di un'amministrazione pronta a rispondere ai bisogni concreti della sua comunità devono essere chiari, condivisi e trasparenti. Una priorità assoluta è il supporto alle famiglie nella cura dei bambini e dei soggetti più fragili – continua Donati.- Il Covid-19 ha inasprito le disuguaglianze e ha accentuato le disparità. La città di Arezzo ha vissuto un momento particolarmente delicato e l’emergenza sanitaria ha messo a dura prova il nostro tessuto sociale. Dobbiamo, quindi, tenere in considerazione tutte le fragilità, affinché nessuno rimanga escluso”.

La proposta di Marco Donati, condivisa con le liste civiche che lo sostengono Scelgo Arezzo e Con Arezzo, prevede la costituzione di un Fondo Economico Speciale per le famiglie in estremo disagio e i bambini che necessitano di cure particolare e affetti da gravi patologie, nonché un investimento negli alloggi a canone calmierato e nel social housing, "una nuova frontiera che permetta anche di garantire equità nella distribuzione degli alloggi". 

“Il Comune deve ritrovare il suo ruolo di regia nella tutela dei minori e delle famiglie rafforzando il ruolo dello Spazio Famiglia – dichiara il candidato;- inoltre, per dare maggiori risposte ai bisogni delle persone più anziane, intendiamo investire in nuovi servizi e strutture. Tra le nostre proposte, c’è l’istituzione dell’albo degli assistenti domiciliari, uno strumento che garantisca alle famiglie che necessitano di supporto, un’offerta qualificata e regolamentata. Riteniamo che l'amministrazione debba porre sempre più attenzione ai temi dell'integrazione e dell'autonomia attraverso il sostegno e l'incentivazione dei percorsi del ‘Dopo e durante di noi’, facendo rete con le realtà del volontariato e del Terzo Settore.”  

Infine, "saranno le nuove tecnologie a svolgere un ruolo strategico a servizio del sociale, sia in ambito educativo che socioassistenziale", dice Donati. “Dobbiamo muoverci nella logica di costruzione di piattaforme aperte ed interoperabili sia in ambito sanitario, sviluppando la telemedicina,  che assistenziale, favorendo l'impiego di  dispositivi ambientali e indossabili, della robotica e dell’intelligenza artificiale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento