Elezioni 2020, Donati promuove centri di ascolto civici, assessorato al territorio e consigli comunali aperti

Il candidato sindaco ha espresso questo primo punto programmatico nel corso del webinar, dedicato al tema dell’ascolto, dello scorso 10 agosto, dando il via ad una serie di dirette Facebook che vedono protagonisti anche i candidati delle liste civiche che lo sostengono, Scelgo Arezzo e Con Arezzo

“Dobbiamo amministrare per i cittadini, con i cittadini e fra i cittadini”. Esordisce così il candidato sindaco Marco Donati che apre il suo programma per le vicine elezioni amministrative con tre proposte concrete: centri di ascolto civici, assessorato al territorio e consigli comunali aperti. Il candidato sindaco ha espresso questo primo punto programmatico nel corso del webinar, dedicato al tema dell’ascolto, dello scorso 10 agosto, dando il via ad una serie di dirette Facebook che vedono protagonisti anche i candidati delle liste civiche che lo sostengono, Scelgo Arezzo e Con Arezzo.

“L’intera comunità aretina ha bisogno di essere ascoltata – spiega il candidato sindaco Marco Donati.- Un’esigenza che, fin dai primi incontri di questa campagna elettorale, mi è parsa subito evidente. Il nostro progetto si fonda su un’idea di città aperta, dinamica e solidale e, per raggiungere questo obiettivo, dobbiamo ricostruire un rapporto tra l'amministrazione comunale e i singoli, le associazioni, le imprese, i quartieri e le frazioni.”

Per favorire il dialogo tra cittadinanza e amministrazione, il candidato sindaco promuove l’istituzione di Centri di ascolto civici: “dal centro alla periferia e in tutti i quartieri della città, in collaborazione con la rete dei centri di aggregazione sociale, vogliamo far nascere comitati di cittadini che recuperino l'esperienza positiva delle ex-circoscrizioni e svolgano il ruolo di antenne permanenti sul territorio. I Centri di ascolto civici saranno dei veri e propri laboratori di cittadinanza attiva che, attraverso riunioni periodiche con gli amministratori, la polizia municipale e gli uffici pubblici, contribuiscano a riqualificare i quartieri e diventino presidi utili alla lotta alla marginalità.”

“Tutto questo sarà anche rafforzato dalla nomina di un Assessore al territorio e alle frazioni che avrà il compito di mantenere viva la relazione con i Centri di ascolto civici e raccogliere le istanze delle aree più distanti dal centro della città” prosegue Donati.

Inoltre, per dare maggiore concretezza all’azione amministrativa, il candidato sindaco Marco Donati propone incontri mensili con le imprese, le associazioni, gli operatori della sanità, gli studenti e i vari attori del territorio: “tali appuntamenti consentiranno di aggiornare costantemente l’agenda amministrativa, creare sinergie e raccogliere le istanze dei nostri concittadini. Il palazzo comunale deve tornare ad essere luogo di confronto e, al tempo stesso, gli amministratori locali devono tornare a frequentare tutti i luoghi di questa splendida città, facendosi trovare presenti e mettendo al centro le persone e i loro bisogni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento