Ballottaggio. Fabio Butali: "Non busserò alla porta di Ghinelli"

"Sono persona che, se non gradita, sa anche chiuderla delicatamente la porta, in silenzio, con educazione, al contrario di molti esponenti che ho incontrato anni fa nella “casa” di "Ora"

"Vorrei rassicurare Ghinelli: non avevo e non ho la minima intenzione di bussare alla sua porta. Io non busso e lui non apre: direi che siamo perfettamente allineati, almeno su questo". L'intervento è quello di Fabio Butali, uno dei sei sconfitti nella corsa elettorale alla poltrona di primo cittadino di Arezzo, che dopo il risultato dello spoglio elettorale rende nota la propria volontà di non porgere il fianco ad apparentamenti in vista del ballottaggio che vede Alessandro Ghinelli e Luciano Ralli affrontarsi nel faccia a faccia.

"Sono anche persona che, se non gradita, sa anche chiuderla delicatamente la porta, in silenzio, con educazione, al contrario di molti esponenti che ho incontrato anni fa nella “casa” di "Ora" e che se ne sono usciti sbattendola. Non vorrei però che l'ingegnere avesse confuso la mia educata e propositiva campagna elettorale come una profferta di disponibilità, nel qual caso mi scuso per non aver usato modalità e toni evidentemente a lui più familiari. Smarcato questo punto, la cosa che resta assolutamente inaccettabile, anche se ampiamente prevedibile, è l’arroganza con cui Ghinelli rimprovera agli elettori di Prima Arezzo d’aver “sbagliato” voto! Nessun seppur minimo esame di coscienza, nessun tentativo di (ri)conquistarli mettendosi in discussione, nulla di ciò. Solo una bella tirata d’orecchie nel segno del “sbagliare è umano, perseverare diabolico”. Certo non gli è venuto il dubbio che possa aver deluso 1.000 elettori, o che qualcuno la pensi diversamente da lui e preferisca le nostre proposte, addirittura preferisca me. A queste 1.000 brave persone che ci hanno dato fiducia, a questi 1.000 elettori pensanti dico solo di valutare bene la considerazione di cui godono dalle parti di Palazzo Cavallo e di cui abbiamo avuto ampia dimostrazione durante questa campagna elettorale, in cui le “truppe” dell’Ingegnere ci hanno, nel migliore dei casi, deriso. Evidentemente se prima potevo imputare tali atteggiamenti alle singole persone, a questo punto sono portato a pensare ad un dna politico “geneticamente” modificato da una sorta di “Covid elettorale”, del quale la compagine di Ghinelli non perde occasione di darci contezza quotidiana, proprio come i bollettini sulla pandemia a lui tanto cari".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

  • Toscana "in arancione" da domenica 6 dicembre. Giani: "Abbiamo dati da zona gialla ma restiamo accorti"

  • Coronavirus: 658 nuovi casi e 32 decessi. I dati di oggi della Regione Toscana

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento