menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Angelo Rossi sposa il progetto di Forza Italia per le prossime elezioni regionali: "Lo farò da civico, senza tessere di partito"

Il fautore, insieme a Mery Cornacchini, della lista "Arezzo nel cuore" ha accettato la proposta di Forza Italia

Angelo Rossi scioglie le riserve e annuncia ufficialmente la sua candidatura alle prossime elezioni regionali nella lista di Forza Italia. Nelle scorse settimane l'ideatore, insieme a Mery Cornacchini, della lista "Arezzo nel cuore", aveva accolto con grande entusiamo l'apertura da parte degli azzurri di Arezzo a candidati del mondo civico, così è nata "Forza Italia - Arezzo nel cuore", che sarà un'unica lista per le prossime elezioni amministrative a sostegno del sindaco uscente Alessandro Ghinelli. Proprio grazie a questo accordo, Rossi ha deciso di accettare la proposta di Forza Italia di candidarsi per il prossimo consiglio regionale toscano. L'altro nome sicuro è quello di Alessio Mattesini, che negli ultimi 5 anni ha ricoperto il ruolo di presidente del Consiglio comunale di Arezzo.

"Cari amici, non senza una certa emozione ho deciso di accettare di partecipare alla corsa per le prossime elezioni regionali toscane nella lista di Forza Italia, e lo farò da civico, indipendente, senza tessera del partito. L'uomo libero che sono sempre stato e che sarò sempre. Questo è il frutto di un'apertura al civismo da parte di Forza Italia, che ha voluto creare un coraggioso laboratorio politico, libero e aperto, portando Arezzo nel Cuore, la lista civica che avevamo preparato con Meri Cornacchini, a confluire nelle liste di Forza Italia con 16 candidati per le elezioni Comunali di Arezzo e quindi, di conseguenza, a questa mia candidatura per la Regione Toscana. Una novità politica alla quale abbiamo aderito con convinzione ed entusiasmo. Vorrei quindi ringraziare i vari coordinamenti comunali, provinciali e regionali di Forza Italia: Jacopo Apa, Bernardo Mennini, gli onorevoli Stefano Mugnai e Felice Maurizio D'Ettore, tutto il gruppo di Arezzo nel Cuore per avermi dato fiducia e creduto in questo progetto, e infine, ultima ma non ultima, la mia famiglia perchè senza il loro sostegno nulla sarebbe possibile. Quindi correrò per il territorio dove sono nato e vissuto, e che amo con tutte le mie forze, per dare una speranza di cambiamento a una regione inchiodata e atrofizzata sullo stesso modello da oltre settant'anni. ‘Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo’ (Mahatma Gandhi)".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Calcio

    Triestina-Arezzo. Le pagelle di Giorgio Ciofini

  • Scuola

    "Social ma non per gioco" i corsi per gli studenti di Foiano

  • Cucina

    I quaresimali: un peccato di gola concesso anche alle monache

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento